Viktor Andrijovyč Kravčenko: differenze tra le versioni

→‎Citazioni: il rito del racconto della propria vita
(→‎Citazioni: l'autocritica)
(→‎Citazioni: il rito del racconto della propria vita)
 
*Nell'Unione Sovietica, il regno dell'[[autocritica]] fu l'ultima espressione della volontà del popolo. La ''samokritika'' rappresentava l'opinione pubblica e, anche se non aveva alcuna influenza sulle decisioni sovrane e senza appello del'autorità centrale di Mosca, permetteva, almeno in parte, di addolcire la rigidezza dei funzionari provinciali. (vol. 1, cap. 5, p. 107)
 
*Nel regime sovietico, il racconto della propria vita è un rito indispensabile: essere accettati o respinti dipende molte volte da esso e bisogna ripeterlo all'infinito, a voce o riempendo un questionario. (vol. 1, cap. 5, p. 112)
 
*Nel settembre del 1935 avvenne un 'miracolo' nella regione carbonifera del bacino del Donez. Un minatore di nome [[Aleksej Grigor'evič Stachanov|{{sic|Stakhanov}}]] era riuscito a estrarre, da solo, cento due tonnellate di carbone in una volta sola, vale a dire quattordici volte più di quanto poteva fare, normalmente, un operaio qualunque! In tutta la storia contemporanea del nostro paese, pochi avvenimenti hanno ricevuto applausi così frenetici, sostenuti ed entusiasti. Si trattava però di un 'miracolo' piuttosto profano e discretamente sospetto. Per qualsiasi tecnico, la frode era evidente: Stakhanov doveva certamente aver tratto vantaggio da condizioni di lavoro eccezionali, e doveva ovviamente essere stato fornito di attrezzi speciali e di facilitazioni di ogni sorta allo scopo preciso di raggiungere questo ''record'' senza precedenti. Doveva trattarsi di un 'miracolo' fabbricato su ordinazione, per far piacere al Cremlino e permettergli di lanciare la nuova dottrina: quella della rapidità. (vol. 1, cap. 13, p. 343)
34 678

contributi