Differenze tra le versioni di "Pavel Pavlovič Muratov"

 
==Citazioni di Pavel Muratov==
*Possiamo solo sognare che un giorno tutti i rilievi e le statue che sono state trovate nel Foro e sul Palatino vi saranno riportate dai musei di [[Roma]] e [[Napoli]]. Un giorno capiremo che, per un oggetto antico, una morte onorevole per mano del tempo e della natura è meglio di un sonno letargico in un museo.
:''We can only dream that some day all the reliefs and statues that have been found in the Forum and on the Palatine will be returned here from the museums of Rome and Naples. Some day we will understand that, for an ancient object, an honourable dying at the hands of time and nature is better than lethargic slumber in a museum.''<ref>Citato in [[Pavel Florenskij]], ''Beyond Vision, {{small|Essays on the Perception of Art}}'', compiled and edited by Nicoletta Misler, translated by Wendy Salmond, Reaktion Books, Londra, [https://books.google.it/books?id=pZXxAQAAQBAJ&lpg=PT115&dq=&pg=PT115#v=onepage&q&f=false p. 115]</ref>
*Questa felicità non ha ancora del tutto abbandonato [[Napoli]]. Le abbaglianti strade bianche conducono a [[Posillipo]], e la veduta che si apre sulle forme vulcaniche del capo Miseno e dei [[Campi Flegrei]] si fondono col sapore della polvere sottile e dell'umidità amaro-salata del vento del mare.<ref>In [[Ettore Lo Gatto]] (a cura di), ''Correnti e tendenze nella letteratura russa dalle origini ad oggi''; citato in Salvatore M. Ruggiero, ''Storie da Posillipo'', [https://books.google.it/books?id=7hytDgAAQBAJ&lpg=PA13&dq=&pg=PA13#v=onepage&q&f=false p. 13]</ref>