Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

 
==Napoletani==
*''A la rota, a la rota | mastr'Angelo ce joca: | nce joca la zita | e madamma [[Margherita di Durazzo|Margarita]].<ref name=dur>Citato in ''Napoli, punto e basta?'', p. 697.</ref>
*''<nowiki>'</nowiki>A signora donna [[Eleonora Pimentel Fonseca|Dionora]] | che cantava 'ncoppa 'o triato | mo abballa mmiez' 'o [[Piazza del Mercato (Napoli)|mercato]].''<ref>Citato in ''Feste, Farina e Forca'', p. 190.</ref>
*''All'arme all'arme! | la campana sona, | li Turche so' arrivat' a la marina. | Chi tene scarpe vecchie se l'assola, | ch'avimm' a fare 'nu luongo cammino. | Chi have grano lu pport' a la mola, | cumme ce mena ionna la farina! | Chi vò' 'mparare la mugliera bona, | 'na mazzïat' 'a ser' e 'n' at' 'a matina.''<ref>Citato in Luigi Molinari del Chiaro, ''[https://archive.org/stream/cantidelpopolon00chiagoog#page/n143/mode/2up/ Canti del popolo napoletano, {{Small|Raccolti e annotati da Luigi Molinaro del Chiaro}}]'', p. 125.</ref>
*''Nun me chiammate cchiù donna Sabella''<ref>Isabella d'Aragona o, secondo Benedetto Croce, Isabella di Lorena. {{cfr}} ''Feste, Farina e Forca'', p. 180.</ref>''| chiammateme Sabella sventurata | patrona 'i era 'e trentasei castella | la Puglia bella e la Basilicata...''<ref name=octopus/>
*{{NDR|Non c'è un attimo di respiro per la levatrice ('a vammana o mammana)}} ''Nun c'è n'ora, no momento | che può schitto resciatà, | neve, tronola, acqua e bbiento, | non c'è maje pe mme piatà, | curre, arranca, afferra, acchiappa, | suse, lascia, piglia, scappa.''<ref>Citato in ''C'era una volta Napoli'', p. 76.</ref>
*''Non chiòvere, non chiòvere | ca voglio ire a mòvere | a mòvere lo grano | de mastro Giuliano...''<ref name=dur/>
*''Oje Ne'! Chest'è la nocca | io t'à voglio rialà... | e tu miettatella a chiocca | e paura non avé... | Alluccammo: mena, me' | Galibarde è il nostro re...''<ref>Citato in ''Napoli, punto e basta?'', p. 626.</ref>
:''Ragazza mia | quest'è la coccarda | che voglio regalarti | mettila alla tempia | e non temere di nulla | gridiamo tutti in coro: | [[Giuseppe Garibaldi|Garibaldi]] è il nostro re...''<ref>La traduzione è in ''Napoli, punto e basta?'', p. 703.</ref>