Differenze tra le versioni di "Ugo Nebbia"

raggruppo e sistemo
(→‎Citazioni di Ugo Nebbia: altra sugli impressionisti)
(raggruppo e sistemo)
'''Virginio Ugo Nebbia''' (1880 – 1965), pittore, critico d'arte e restauratore italiano.
 
==''Sul movimento pittorico contemporaneo''==
==Citazioni di Ugo Nebbia==
*Andiamo a recare il nostro omaggio al Louvre all'''Olimpia'' del [[Édouard Manet|Manet]], e ci dimentichiamo lo scandalo di quanti colla massima sincerità dal loro punto di vista non potevano accettarla sotto lo stesso tetto che accoglieva la Vittoria di Samotracia e la Gioconda; la protesta piena di logica dei conservatori di allora, e la relegazione per undici anni nei sotterranei del monumento, finché un atto dittatoriale di Clémenceau<ref>Georges Clemenceau (1841–1929), politico francese, primo ministro dal 1906 al 1909 e dal 1917 al 1920.</ref> non la imponeva accanto al vecchio Ingres.<ref>da ''[https://archive.org/details/emporium3738berguoft/page/421 Sul movimento pittorico contemporaneo]'', in ''Emporium {{small|Rivista mensile illustrata d'arte letteratura scienza e varietà}}'', Istituto italiano d'arti grafiche Bergamo - Editore, volume XXXVIII, dicembre 1913, (p. 423.</ref>)
*All'arte analitica e dispersiva degli [[Impressionismo|impressionisti]], in cui l'ambiente e la luce era costituito da una vibrazione di tocchi e di colori, [...], doveva succedere come per reazione quella a grandi linee ed a grandi masse di colori semplificati in potenti riassunti sintetici, austeri e raffinati ad un tempo, d'un primitivismo e d'una ingenuità quasi selvaggia, con cui il [[Paul Gauguin|Gauguin]] voleva restituire nell'ambiente di una natura vergine un'umanità solidamente concepita.<ref>da ''Sul movimento pittorico contemporaneo'', ''ibidem'', (p. 428.</ref>)
*Gli impressionisti avevano voluto riprendere la natura, non per un solo intento di riproduzione naturalistica che uccide ogni fantasia, ma per farla vivere nella sua intensità di luce e di colore. Era una tecnica franca ed ingegnosa, che diveniva più riflessa quando poteva passare attraverso alle più profonde sensibilità di Seurat, Signac e Cross, i quali l'impiegavano trasformandola, non più per trascrivere impressioni subitanee, come il Monet ed il Sisley, ma per esprimere dei concetti artistici d'un carattere superiore.<ref>da ''Sul movimento pittorico contemporaneo'', ''ibidem'', (p. 428.</ref>)
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
Ugo Nebbia, ''''[https://archive.org/details/emporium3738berguoft/page/421 Sul movimento pittorico contemporaneo]'', in ''Emporium {{small|Rivista mensile illustrata d'arte letteratura scienza e varietà}}'', Istituto italiano d'arti grafiche Bergamo - Editore, volume XXXVIII, dicembre 1913.
 
==Altri progetti==
29 387

contributi