Differenze tra le versioni di "Ugo Nebbia"

548 byte aggiunti ,  2 anni fa
→‎Citazioni di Ugo Nebbia: lo scandalo dell'Olimpia di Manet
(Virginio Ugo Nebbia (1880 – 1965), pittore, critico d'arte e restauratore italiano.)
 
(→‎Citazioni di Ugo Nebbia: lo scandalo dell'Olimpia di Manet)
 
==Citazioni di Ugo Nebbia==
*All'arteAndiamo analiticaa erecare dispersivail deglinostro [[Impressionismo|impressionisti]],omaggio inal cuiLouvre lall'''Olimpia''ambiente del Manet, e laci lucedimentichiamo eralo costituitoscandalo dadi unaquanti vibrazionecolla dimassima tocchisincerità edal diloro colori,punto [...],di dovevavista succederenon comepotevano peraccettarla reazionesotto quellalo astesso granditetto lineeche edaccoglieva ala grandi masseVittoria di coloriSamotracia semplificatie inla potentiGioconda; riassuntila sintetici,protesta austeripiena edi raffinatilogica addei unconservatori tempodi allora, d'une primitivismola erelegazione d'unaper ingenuitàundici quasianni selvaggia,nei consotterranei cuidel ilmonumento, [[Paulfinché Gauguin|Gauguin]]un volevaatto restituire nell'ambientedittatoriale di unaClémenceau naturanon verginela un'umanitàimponeva accanto al solidamentevecchio concepitaIngres.<ref>da ''[https://archive.org/details/emporium3738berguoft/page/421 Sul movimento pittorico contemporaneo]'', in ''Emporium {{small|Rivista mensile illustrata d'arte letteratura scienza e varietà}}'', Istituto italiano d'arti grafiche Bergamo - Editore, volume XXXVIII, dicembre 1913, p. 428423.</ref>
*All'arte analitica e dispersiva degli [[Impressionismo|impressionisti]], in cui l'ambiente e la luce era costituito da una vibrazione di tocchi e di colori, [...], doveva succedere come per reazione quella a grandi linee ed a grandi masse di colori semplificati in potenti riassunti sintetici, austeri e raffinati ad un tempo, d'un primitivismo e d'una ingenuità quasi selvaggia, con cui il [[Paul Gauguin|Gauguin]] voleva restituire nell'ambiente di una natura vergine un'umanità solidamente concepita.<ref>da ''Sul movimento pittorico contemporaneo'', ''ibidem'', p. 428.</ref>
 
==Note==
29 448

contributi