Differenze tra le versioni di "Masaccio"

200 byte aggiunti ,  1 anno fa
→‎Citazioni su Masaccio: Tarchiani: continuatore di Giotto
(la morte, in giovane età, di Masaccio)
(→‎Citazioni su Masaccio: Tarchiani: continuatore di Giotto)
*Fu Masaccio optimo imitatore di natura, di gran rilievo universale, buono componitore e puro sanza ornato, perché solo si decte all'imitazione del vero e al rilievo delle figure: fu certo buono et prospectivo quanto altro di quegli tempi, et di gran facilità nel fare, essendo ben giovane, che morì d'anni ventisei. ([[Cristoforo Landino]])
*Giotto rinato, che ripiglia il lavoro al punto dove la morte lo fermò; che immediatamente fa suo quanto era stato trovato durante la sua assenza; che approfitta delle nuove condizioni e delle nuove richieste: — immaginate questo miracolo, e capirete Masaccio. ([[Bernard Berenson]])
*Masaccio, anche se ha non so quale grandiosità e solennità classica, si ricollega direttamente a Giotto nell'esprimer la vita, è di Giotto l'immediato e il solo continuatore. ([[Nello Tarchiani]]
*Masaccio morì in giovane età, non ancora trentenne, nella piena forza del suo mirabile ingegno; v'è chi dice forse avvelenato da qualche rivale geloso della fama di lui. ([[Evelyn Franceschi Marini]])
*Nel «Tributo a Cesare»<ref>Affresco della [[cappella Brancacci]] nella basilica di Santa Maria del Carmine a Firenze.</ref> sono stupendamente compendiate le qualità pittoriche del Masaccio: la nobiltà del disegno, la maestosità delle figure, l'unità della composizione, la misura prospettica e l'intensità psicologica. Il Vasari definì moderno lo stile di questo artista geniale e solitario, che spianò la via a tutta la pittura toscana successiva. ([[Indro Montanelli e Roberto Gervaso]])
19 691

contributi