Differenze tra le versioni di "Neal Barnard"

1 247 byte aggiunti ,  5 anni fa
nessun oggetto della modifica
*Abbiamo conosciuto persone sconfitte dal fallimento di un [[dieta|regime alimentare]] dopo l'altro, solo per scoprire che la causa del fallimento era intrinseca in quelle diete mal progettate, non in se stessi, e che concentrandosi sugli alimenti veramente sani potevano raggiungere risultati inimmaginabili. (p. 165)
*Quando cominciai a prendere le distanze da una dieta a base di carne, optando per una a base vegetale, ebbi l'impressione che mi si stessero spalancando per la prima volta le porte del giardino delle delizie. (p. 166)
*La cosa migliore è evitare ''del tutto'' i prodotti animali. Come ormai ben saprai, contengono grassi saturi e colesterolo, aumentano quindi i tuoi livelli di colesterolo e il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer o di soffrire di ictus. Alcune persone sono tentate di includere, qua e là, modeste quantità di carne, latticini e uova, eppure anche quantità piccole sono sufficienti per frenare i tuoi progressi se conti di perdere peso, controllare il colesterolo e migliorare la salute del cervello. [...] Nel 2009, l'American Diabetes Association ha pubblicato un confronto tra cinque diversi regimi dietetici ottenuti in uno studio su 60.903 adulti. Alcuni di loro mangiavano carne tutti i giorni, altri ne stavano completamente alla larga. Alcuni mangiavano latticini e uova, o magari pesce, mentre altri ancora evitavano anche tali prodotti. [...] L'unico gruppo che centrava in pieno il valore del peso sano, però, era quello dei [[veganismo|vegani]], che evitano del tutto i prodotti animali. Grazie alla loro dieta, avevano un indice di massa corporea di 23,6. E lo stesso trend valeva anche per il rischio di diabete. In altre parole, più la gente sta alla larga dai prodotti animali, più rimane in salute. (pp. 168-169)
*La cosiddetta «moderazione», sia per le [[tabagismo|sigarette]], sia per il cibo non sano, è semplicemente un modo per rialimentare un fuoco, invece di lasciarlo spegnere. (p. 198)