Differenze tra le versioni di "Il divo"

63 byte rimossi ,  6 anni fa
m
fix ultimo ins., min.
m (fix ultimo ins., min.)
 
== Dialoghi ==
*'''Don Mario''': A che ora ti sei svegliato, Giulio? <br /> '''Giulio Andreotti''': Alle quattro e mezza. <br /> '''Don Mario''': [[Giorgio La Pira|La Pira]] si svegliava alle tre e mezza. <br /> '''Giulio Andreotti''': La Pira era un santo, io sono un peccatore. <br /> '''Don Mario''': Quante volte, Giulio? <br /> '''Giulio Andreotti''': Da oggi 7sette. <br 7> '''Don Mario''': 7Sette volte presidente del consiglioConsiglio e 25venticinque volte ministro! Mai avuto un varo pianoparrocchiano così illustre! <br /> '''Giulio Andreotti''': Siamo tutti illustri davanti a Dio. <br /> '''Don Mario''': [[Indro Montanelli|Montanelli]] diceva: «[[Alcide De Gasperi|De Gasperi]] e Andreotti andavano insieme a messa e tutti credevano che facessero la stessa cosa. Ma non era così. In chiesa De Gasperi parlava con Dio, Andreotti con il prete». <br /> '''Giulio Andreotti''': I preti votano, Dio no. <br />
 
*'''Signora Enea''': Presidente, stia dritto! <br /> '''Giulio Andreotti''': Sto tanto comodo così. <br />
*'''Paolo Cirino Pomicino''': Senta, Andreotti, lo scopo di questa cena è chiaro. Noi pensiamo che lei debba essere eletto Presidente della Repubblica. [...] Che cosa ne pensa? <br /> '''Giulio Andreotti''': So di essere di media statura, ma... non vedo giganti intorno a me. <br />'''Franco Evangelisti''': Lo conosco troppo bene Giulio mio... ha appena detto "sì".
 
* '''Andreotti''': Io non ci credo al caso; io credo alla volontà di Dio.<br/> '''Scalfari''': Dovrebbe invece. Dovrebbe crederci al caso. Dunque, presidente, è un caso che i familiari di alcune persone assassinate la odino? La odia il figlio del generale Dalla Chiesa: dice che c'è la sua mano nell'omicidio del padre. La odia la moglie di Aldo Moro che la ritiene uno dei responsabili della morte del marito. È un caso che la odi la moglie del banchiere Roberto Calvi? Dice che lei minacciò prima e ordino poi l'omicidio di Calvi. Dice che non l'uccise lo Ior, ma due persone: Andreotti e Cosentino, che adesso è morto. E poi mi domando: è un caso che lei fosse ministro dell'Interno quando Pisciotta è stato assassinato con un caffè avvelenato? Si disse che Pisciotta avrebbe potuto rivelare i mandanti dell'omicidio del bandito Giuliano. È un caso che il banchiere Michele Sindona sia stato assassinato allo stesso modo? Anche lui, costretto in carcere, avrebbe potuto fare rivelazioni fastidiose. È un caso che tutti dicano che lei abbia ripetutamente protetto Sindona? È un caso che il suo luogotenente Evangelisti abbia incontrato Sindona da latitante, a New York, in un negozio di soldatini? È un caso quello che dice il magistrato Viola, che se lei non avesse protetto Sindona non sarebbe mai maturato il delitto Ambrosoli? E ancora: è un caso che lei annota tutto scrupolosamente nei suoi diari e dimentica di annotare del delitto Ambrosoli? Ed è un caso che nel triennio '76-'79, quando lei era Presidentepresidente del Consiglio, tutti i vertici dei servizi segreti erano nelle mani della P2? È un caso che nei suoi ripetuti incontri con Licio Gelli, capo della P2, parlavate – solo ed esclusivamente – dei desaparecidos sudamericani? Così ha detto lei: "solo chiacchiere amichevoli". Infine, è un caso che lei sia stato tirato in ballo in quasi tutti gli scandali di questo paese? E tralascio tutti i sospetti che aleggiano sui suoi rapporti con la Mafia. Insomma – come ha detto Montanelli – delle due, l'una: o lei è il più grande, scaltro criminale di questo paese, perché l'ha sempre fatta franca; oppure è il più grande perseguitato della storia d'Italia. Allora le chiedo: tutte queste coincidenze sono frutto del caso o della volontà di Dio? <br/> '''Andreotti''': È un caso che l'autorevole quotidiano, da lei fondato e diretto, sia stato salvato a suo tempo dal Presidentepresidente del Consiglio? Quel Presidentepresidente del Consiglio ero io. Il suo giornale stava per finire nelle mani di [[Silvio Berlusconi]], un datore di lavoro a lei poco gradito. Io l'ho impedito, anche grazie alla mediazione del tanto vituperato Ciarrapico, consentendole così di riacquistare la sua autonomia e la sua libertà. Autonomia e libertà che le consentono di venire oggi qui a pormi domande sfrontate e capziose. È grazie a me se lei oggi può permettersi di essere così arrogante e presuntuoso e sospettoso nei miei confronti.<br/> '''Scalfari''': Guardi che le cose non stanno esattamente così: la situazione era un po' più complessa. <br/> '''Andreotti''': Ecco. Lei è abbastanza perspicace e l'ha capito da solo; la situazione era un po' più complessa. Ma questo non vale solo per la sua storia: vale anche per la mia.
 
* '''Medico''': Dovrebbe fare un po' di sport. <br/> '''Andreotti''': Tutti i miei amici che facevano sport sono morti. <br/> '''Medico''': È un caso. <br/> '''Andreotti''': Io non ci credo al caso, io credo alla volontà di Dio.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w=Il divo (film)|commons=Category:Il divo (film)|etichetta=''Il divo''}}
 
[[Categoria:Film drammatici|Divo, Il]]