Differenze tra le versioni di "Fruttero & Lucentini"

Aggiunto incipit di "Íncipit"
(Aggiunto incipit di "Íncipit")
 
== ''La prevalenza del cretino''==
 
Il libro è una raccolta degli articoli scritti dalla "coppia" di scrittori per il quotidiano ''La Stampa'' di Torino (nella rubrica bimensile ''L'Agenda di F.&L.'') nei tredici anni precedenti l'uscita del libro, cui si aggiungono alcuni scritti per i settimanali ''L'espresso'' ed ''Epoca''.
 
La vecchia Volkswagen color crema del venditore di matite era parcheggiata a metà di via dei Rododendri. Fittamente incollati sugli sportelli, sui parafanghi, sui vetri dei finestrini posteriori, striscioni, etichette e bandierine dicevano: Jucca, la matita superminata, oppure Provate a consumarmi e anche Jucca, la matita con la parrucca. Sopra quest'ultimo slogan si vedeva una matita con appesa in cima una parrucca gialla, rossa e verde.
 
=== ''Il Palio delle contrade morte'' ===
L'avvocato Maggioni è ormai affacciato da oltre mezz'ora a questa finestra, e sotto di lui continua a sfilare lentissimamente il corteo che precede la corsa del Palio di [[Siena]]. Lo smussato poligono della Piazza del Campo è acceso da colori di una varietà incalcolabile, da quelli più squillanti delle bandiere agli ocra pallidi dei palazzi e alla vertiginosa picchiettatura della folla, stretta dall'anello terroso su cui si correrà, o sporta come l'avvocato da finestre, balconi, tribune, merli, abbaini a contemplare il sontuoso serpente del corteo storico che avanza a piccoli passi, si arresta, riparte agli squilli di una marcia ripetuta senza fine.
 
=== ''LÍncipit'amante senza fissa dimora'' ===
''Avrebbe potuto essere il 1937. L'umida sera di giugno, con i suoi marciapiedi lucidi di pioggia che riflettevano le luci colorate e intermittenti delle insegne, avrebbe potuto essere una sera di quell'anno''.<br>
Così comincia un poliziesco americano d'una serie celebre, e prosegue con la descrizione di un passante e di un'auto che sopraggiunge lentamente alle sue spalle, lo supera, poi gira all'improvviso a U e gli torna incontro vomitando fuoco da un finestrino.
 
===''L'amante senza fissa dimora''===
Quando Mr. Silvera si decide infine (look, look, Mr. Silvera!) ad allentare la cintura di sicurezza e a protendersi sopra i suoi vicini per sbirciare l'oblò, [[Venezia]] è ormai sparita; non vede che un lontano frammento di mare color alluminio e un immediato, massiccio trapezio d'alluminio, l'ala.<br />
–The lagoon! – ripetono i turisti della sua e delle altre due comitive che riempiono il volo Z&nbsp;114, – La lagune! A laguna….
 
=== ''La donna della domenica'' ===
Il martedì di [[giugno]] in cui fu assassinato, l'architetto Garrone guardò l'ora mille volte. Aveva cominciato aprendo gli occhi nell'oscurità fonda della sua camera, dove la finestra ben tappata non lasciava filtrare il minimo raggio. Mentre la sue mano, maldestra per impazienza, risaliva lungo le anse del cordoncino cercando l'interruttore, l'architetto era stato preso dalla paura irragionevole che fosse tardissimo, che l'ora della telefonata fosse già passata. Ma non erano ancora le nove, aveva visto con stupore, per lui, che di solito dormiva fino alle dieci e oltre, era un chiaro sintomo di nervosismo, di apprensione.</br>Calma, s'era raccomandato.
 
=== ''Enigma in luogo di mare'' ===
Una certa segretezza incombe, dovuta in parte alla natura stessa del luogo, in parte ai suoi caratteri acquisiti, artificiali. Nelle bacheche girevoli che le cartolerie, tabaccherie e bigiotterie del vicino paese espongono d'estate, non c'è per esempio che un'unica cartolina, sempre la stessa da anni, in cui figuri la pineta. e siccome il fotografo, per darne una veduta d'insieme, l'ha inquadrata dall'alto e d'infilata, tutto quello che ne risulta è una larga e ininterrotta striscia di verde lungo il mare. "Pineta della Gualdana", dice la scritta sul retro, che si ripete in tedesco, in inglese, in francese.<br />
Sembra un tratto di litorale tirreno rimasto vergine, e degno perciò di essere spedito a parenti e amici in terre lontane. Ma sotto quel nitido strato di chiome combacianti le cose stanno poi in altro modo.
*Fruttero & Lucentini, ''A che punto è la notte'', Arnoldo Mondatori Editore, Milano, 1979
*Fruttero & Lucentini, ''Il Palio delle contrade morte'', Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1984
*Fruttero & Lucentini, ''Íncipit'', Mondadori, 1993. ISBN 880437487X
*Fruttero & Lucentini, ''L'amante senza fissa dimora'', Arnoldo Mondatori editore, Milano, 1989, ISBN 978-88-04-32577-2
*Fruttero & Lucentini, ''La prevalenza del cretino'', Arnoldo Mondatori Editore, Milano, 1985
26 785

contributi