Differenze tra le versioni di "San Girolamo"

m (typos)
:''Noli equi dentes inspicere donati''. (''Commentariorum In Epistolam Beati Pauli Ad Ephesios'')
 
*{{NDR|SuVorrei proprio che mi capitasse quello che Tito Livio dice di [[Marco Porcio Catone|Catone]]}}: "Alla sua gloria nessuno portò giovamento con le sue lodi, né nocumento con le sue accuse, anche se l'uno e l'altro atteggiamento ebbero ad assumere uomini forniti di altissimo ingegno.<ref>Si" riferisceVuole riferirsi a [[Marco Tullio Cicerone|Cicerone]] e [[a Gaio Giulio Cesare|Cesare]]: cheil cantaronoprimo accusedi eloro scrisse le lodi, diil [[Marcosecondo Porciole Catone|Catone]]accuse del personaggio appena citato.</ref><ref name="Mazzocato">Citato in Gian Domenico Mazzocato, sezione ''Frammenti'', p. 489, in [[Tito Livio]], ''Storia di Roma dalla fondazione'', traduzione di Gian Domenico Mazzocato, Newton & Compton, Roma, 1997, vol. 6. ISBN 978-88-8183-773-1</ref>
:''Optarem illud mihi contingere, quod T. Livius scribit de Catone: "Cuius gloriae neque profuit quisquam laudando nec vituperando nocuit, cum utrumque summis praediti fecerint ingeniis." Significat autem M. Ciceronem et C. Caesarem, quorum alter laudes, alter vituperationes supra dicti scripsit viri.'' (da ''Commentarium in Oseam'', Prefazione, III)
 
*Fai di necessità virtù.
 
*Non plausi ma lacrime e sospiri. (citato in [[Guglielmo Audisio]], ''Lezioni di eloquenza sacra'', Giacinto Marietti, Torino 1870)
:''Non plausus sed lacrymas et suspiria''
 
==''Epistole==
19 767

contributi