Differenze tra le versioni di "Morrissey"

945 byte aggiunti ,  7 anni fa
*{{NDR|Alla domanda se piaceva a qualcuno a scuola}} Non in modo evidente. Correvano voci, ma siccome ero un idiota intellettuale, tutti erano convinti che se parlavano con me avrai citato la Genesi e fulmini e saette si sarebbero abbattuti dal cielo. E così non mi hanno mai baciato dietro la rimessa per le biciclette. <ref name=Woods/>
*Ho passato un periodo folle in cui cercavo di sfondare nel giornalismo musicale. Scrivevo a chiunque. Ricevevo una trentina di lettere al giorno. [...] Avevo un'intesa meravigliosa con l'universo intero, senza mai incontrare nessuno in carne e ossa. <ref name=Woods/>
*Avevo una cameretta piccolissima, e in certi periodi, tra i diciotto e i diciannove anni, non uscivo letteralmente per tre o quattro settimane. Restavo lì dentro giorno dopo giorno, il sole era cocente e io avevo le tende chiuse. Me ne stavo seduto da solo, quasi al buio, con la macchina da scrivere, circondato di tantissima carta Le pareti erano completamente ricoperte da poster di [[James Dean]], quasi al limite della claustrofobia, e avevo dei foglietti appiccicati ovunque con delle riflessioni profonde. [...] Sembrava quasi che ci fossi nato in quella stanza. Tutto ciò che mi ha reso come sono è lì dentro. Avevo un terribile complesso del territorio. [...] Ero maniacale: ogni cosa era in ordine cronologico: un posto per tutto, tutto al suo posto. Ossessione totale. [...] Oggi mi sembra una cosa completamente folle. E' strano come le cose che prima sembravano tanto importanti, alla fine non contino più. <ref name=Woods/>
* Come saprete, stasera [[Bob Dylan]] suona non molto lontano da qui. Vi ringrazio per non essere andati. Avete preso una decisione molto saggia! (all'inizio del concerto al Teatro Romano di Ostia Antica [Roma], 16 luglio 2006) {{c|Fonte?}}
* Godetevi la [[vita]], è tutto ciò che abbiamo. (dall'introduzione del video ''Sunny'', presente sulla raccolta ''My Early Burglary Years'', 1998)
1 719

contributi