Differenze tra le versioni di "Edmond Rostand"

3 741 byte aggiunti ,  10 anni fa
→‎Cyrano de Bergerac: wikifico; -1 non trovata; +2; e ovviamente l'explicit
m (r2.7.2+) (Bot: Aggiungo: hu:Edmond Rostand)
(→‎Cyrano de Bergerac: wikifico; -1 non trovata; +2; e ovviamente l'explicit)
 
===Citazioni===
*'''Le Bret''': ''Tanto meglio! Tu l'ami? Diglielo. Non ti sei | coperto or or di gloria sotto gli occhi di lei?''<br />'''Cirano''': ''Guardami in faccia, e poi dimmi quale speranza | consentir mi potrebbe questa [[naso|protuberanza]]! | Io non m'illudo, no. — Talor certo, m'avviene | d'intenerirmi anch'io nelle notti serene; | e, se in qualche giardino entro, aspirando il maggio | con il mio poveraccio di naso, sotto un raggio | di argento qualche donna che passeggia a braccetto | di un cavaliere io seguo, e il cor mi balza in petto, | e penso, ahimè, che anch'io vorrei meco averne una | per passeggiare a lenti passi sotto la luna. | E mi esalto, e m'oblio... Quand'ecco all'improvviso | l'ombra del mio profilo su pel muro ravviso!''<br />'''Le Bret''' (commosso): ''Oh, amico mio!...''<br />'''Cirano''': ''Talvolta, credi, m'è duro assai | sentirmi così brutto solo!...''<br />'''Le Bret''' (prendendogli premurosamente la mano): ''Piangi?''<br />'''Cirano''': ''Ah, no; mai! | Questo no, mai! Sarebbe troppo sconcio vedere | una lagrima lungo un tal naso cadere! | Non farò, sin ch'io possa, che mai la sovrumana | bellezza delle lagrime con tanta grossolana | sconcezza si confonda!... Però che veramente | niente v'è più sublime delle lagrime, niente! | Nè, suscitando il riso, vorrei per colpa mia, | Che una lagrima fosse ridicola!...'' (Atto I, scena V)
*Ma poi che cosa è un bacio? Un giuramento fatto un poco più da presso, un più preciso patto, una confessione che sigillar si vuole, un'apostrofo roseo messo tra le parole "t'amo"; un segreto detto sulla bocca, un istante d'infinito che ha il fruscio di un'ape tra le piante, una comunione che ha gusto di fiore, un mezzo di potersi respirare un po' il cuore e assaporarsi l'anima a fior di labbra.
*''D'uno... slancio!... Il mio cuore | si è sempre del mio spirito vestito, per pudore: | muovo per la conquista della stella, e mi chino, | temendo del ridicolo, a côrre il fiorellino!'' ('''Cirano''', Atto III, scena VI)
*Io parto per strappare una stella al cielo e poi, per paura del ridicolo, mi chino a raccogliere un fiore.
*''Ma poi che cosa è un [[bacio]]? Un giuramento fatto | un poco più da presso, un più preciso patto, | una confessioneconnessione che sigillar si vuole, | un' apostrofo roseo messo tra le parole "| t'amo"; un segreto detto sulla bocca, un istante | d'infinito che ha il fruscio di un'ape tra le piante, | una comunione che ha gusto di fiore, | un mezzo di potersi respirare un po' il cuore, | e assaporarsi l'anima a fior di labbra.!'' ('''Cirano''', Atto III, scena IX)
*Più tu mi prendi il [[cuore]], più lui mi cresce in petto.
*'''Rossana''': ''Io vi resi infelice! Io!''<br />'''Cirano''': ''Voi? Di tutte ignaro | dolcezze femminili, non alla madre caro, | privo d'una sorella, cresciuto nel terrore | dell'amante dall'occhio sarcastico, il mio core | per voi ebbe un'amica, almeno. Voi faceste | passar nella mia vita il fruscio di una veste.''<br />'''Le Bret''' (mostrandogli il chiaro di luna che attraversa le rame): ''E l'altra amica tua, ti reca il suo saluto.''<br />'''Cirano''' (sorridendo alla luna): ''Vedo.''<br />'''Rossana''': ''Un essere solo amavo, e l'ho perduto | due volte!'' (Atto V, scena VI)
 
===[[Explicit]]===
'''Le Bret''': Cirano!<br />
'''Rossana''', ''che quasi vien meno'':<br />
Ahimè, Cirano!<br />
''Tutti indietreggiano spaventati''<br />
'''Cirano''': Ella guarda... Mi pare...<br />
che la Camusa<ref>La luna.</ref> ardisca il mio naso guardare!<br />
''Levando la spada''<br />
Che dite?... È vana... so... la resistenza adesso,<br />
ma non si pugna nella speranza del successo!<br />
No, no: più bello è battersi quando è in vano. — Qual fosco<br />
drappello è lì? — Son mille.... Ah, sì! vi riconosco,<br />
vecchi nemici miei, siete tutti colà!<br />
La menzogna?<br />
''Tirando colpi nel vuoto''<br />
Ecco, prendi!... Ecco, ecco le Viltà<br />
ed ecco i Compromessi, i Pregiudizi!<br />
''Tirando puntate''<br />
Che io venga a patti? Mai! — Ed eccoti anche te,<br />
Stoltezza! — Io so che alfine sarò da voi disfatto;<br />
ma non monta: io mi batto, io mi batto, io mi batto!<br />
''Fa immensi mulinelli con la spada. Poi si ferma affannoso''<br />
Voi mi strappate tutto, tutto: il lauro e la rosa!<br />
Strappate pur! Malgrado vostro, c'è qualche cosa<br />
chi io mi porto (e stasera quando in cielo entrerò,<br />
fiero l'azzurra soglia salutarne io potrò;)<br />
ch'io porto meco, senza piega nè macchia, a Dio,<br />
vostro malgrado....<br />
''Si slancia, la spada levata''<br />
Ed è...<br />
''La spada gli cade di mano, egli barcolla e cade nelle braccia di Le Bret e Ragueneau''<br />
'''Rossana''', ''piegandosi sopra di lui e baciandogli la fronte'':<br />
Ed è?....<br />
'''Cirano''' ''riapre gli occhi, la riconosce, e sorridendo dice:''<br />
Il pennacchio mio!<br />
''TELA.''
 
==''L'Aiglon''==
28 509

contributi