Gian Maria Volonté: differenze tra le versioni

m
fonte in voce autore
m (fonte in voce autore)
[[Immagine:Quien sabe.Gian maria volontè.jpg|300px|thumb|Gian Maria Volontè in ''[[Quien sabe?]]'']]
'''Gian Maria Volonté''' (1933 – 1994), attore cinematografico italiano.
 
* Io accetto un film o non lo accetto in funzione della mia concezione del [[cinema]]. E non si tratta qui di dare una definizione del cinema politico, cui non credo, perché ogni film, ogni spettacolo, è generalmente politico. Il cinema apolitico è un'invenzione dei cattivi giornalisti. Io cerco di fare film che dicano qualcosa sui meccanismi di una società come la nostra, che rispondano a una certa ricerca di un brandello di verità. Per me c'è la necessità di intendere il cinema come un mezzo di comunicazione di massa, così come il teatro, la televisione. Essere un attore è una questione di scelta che si pone innanzitutto a livello esistenziale: o si esprimono le strutture conservatrici della società e ci si accontenta di essere un robot nelle mani del potere, oppure ci si rivolge verso le componenti progressive di questa società per tentare di stabilire un rapporto rivoluzionario fra l'arte e la vita. (1984; citato in ''Un attore contro. Gian Maria Volonté. I film e le testimonianze.'', a cura di Franco Montini e Piero Spila, ed. BURsenzafiltro)
*Era un grandissimo attore, e un uomo estremamente sensibile, pronto a fare qualsiasi sacrificio per le cause e i film in cui credeva. ([[Carlo Lizzani]])
*Ha regalato se stesso ai personaggi che ha interpretato, e ce li ha lasciati. Riscoprirli e' una lezione di cinema, di vita, di rigore. Ne abbiamo bisogno. ([[Carla Gravina]])
*Ho lavorato sempre bene con Volonté. Mi ha molto convinto in alcuni film, ''Lucky Luciano'' e ''Cristo si è fermato a Eboli''. Ma anche in altri, ''Il caso Mattei'' per esempio, ha movimenti stupefacenti che confermano la sua ricchezza di mezzi espressivi, la sua profondità di attore. ([[Francesco Rosi]]) tratto da: Francesco Bolzoni, ''I film di Francesco Rosi'', collana "Effetto Cinema", 13, Roma, Gremese Editore, 1986, p. 33. ISBN 8876052410
*Non ho mai avallato «amori pubblicitari». Gli unici, veri, sono appunto quelli con Volonté e [[Alain Delon|Delon]]. Un ragazzo d'oro, Gian, ma poi è arrivato Delon... ([[Mireille Darc]])
*Ho lavorato sempre bene con Volonté. Mi ha molto convinto in alcuni film, ''Lucky Luciano'' e ''Cristo si è fermato a Eboli''. Ma anche in altri, ''Il caso Mattei'' per esempio, ha movimenti stupefacenti che confermano la sua ricchezza di mezzi espressivi, la sua profondità di attore. ([[Francesco Rosi]]) tratto da: Francesco Bolzoni, ''I film di Francesco Rosi'', collana "Effetto Cinema", 13, Roma, Gremese Editore, 1986, p. 33. ISBN 8876052410
 
== Film ==
22 142

contributi