Differenze tra le versioni di "Carlo Goldoni"

10 221 byte aggiunti ,  9 anni fa
Aggiunti incipit, bibliografia
(Aggiunti incipit, bibliografia)
(Aggiunti incipit, bibliografia)
''''Ros.''' Signora Colombina garbata, mi pare che l’obbligo suo sarebbe, prima di mettersi in tante bellezze, di venire ad assettare il capo alla sua padrona.<br>
'''Col.''' Signora, l’obbligo mio l’ho fatto: vi sono stata dietro due ore ad arricciarvi, frisarvi e stuccarvi: ma se poi non vi contentate mai, e vi cacciate per dispetto le dita ne’ capelli, io non vi so più che fare.
 
===''I malcontenti''===
<center>Camera in casa della signora Felicita.<br>''La signora'' FELICITA ''e'' GRILLETTA</center>
'''Felic.''' Lasciatemi stare, Grilletta; sono arrabbiata quanto mai posso essere.<br>
'''Grill.''' Questo è fuori del solito; ella suol essere pazientissima per costume, ed ora per così poco vuol dar nelle smanie?<br>
'''Felic.''' Ma se mi ci tirano per i capelli! Mi tocca fare una vita la più sciagurata di questo mondo. Ecco qui, ora siamo all'autunno. Tutti vanno in campagna, ed a me tocca star qui.
 
===''Il bugiardo''===
'''Brigh.''' Signor...<br>
'''Lui.''' Va al diavolo.
 
===''Il genio buono e il genio cattivo''===
<center>Giardino rustico con vari alberi fruttiferi e varie piante di fiori. Da un lato una capanna grande, di cui non si vede che l'entrata. In fondo la scena due alti cespugli, o due folti boschetti di alberelli truccati uno per parte, e nel mezzo una fontana rustica parimente truccata. Più avanti, di qua e di là, due alberi isolati, uno per parte, anch'essi truccati.<br>ARLECCHINO ''e'' CORALLINA ''escono dalla capanna ridendo, saltando e cantando''.</center>
'''Cor.''' Allegramente, Arlecchino.<br>
'''Arl.''' Allegri, muggier, allegri.<br>
'''Cor.''' Sono così contenta, che mi pare di esser una regina.<br>
'''Arl.''' E mi, dopo che son to mario, sento proprio ch'el cuor me bàgola. Salterave sempre co fa un puttelo. Me despiase co dormo. No vorave mai indormenzarme per no perder un momento de consolazion.
 
===''Il giuocatore''===
<center>Camera da giuoco nel casino<br>FLORINDO ''al tavolino da giuoco con lumi e carte, numerando denari; poi'' BRIGHELLA</center>
'''Flor.''' Chi è di là?<br>
'''Brigh.''' Illustrissimo.<br>
'''Flor.''' Che ora è?<br>
'''Brigh.''' Per dirghela, illustrissimo, me son indormenzà un pochetto, e no so che ora sia.
 
===''Il gondoliere veneziano ossia Gli sdegni amorosi''===
<center>BULEGHIN ''solo''.</center>
<poem>'''Bul.''' Cosa dirastu mai, Bettina cara,
Che tardi son vegnuo a retrovarte?
Za me feguro
De véderla instizzada,
Rabbiosa co è una chizza,
Buttar le bave come fa un serpente,
E dir che ella de mi no pensa gnente.</poem>
 
===''Ircana in Ispaan''===
''Stanze in casa di Machmut''<br>
MACHMUT ''e servi''
<poem>'''Machmut''': Servi, udite la legge che Machmut v'impone,
Mosso al fiero comando da sdegno e da ragione.
Se intorno a questo tetto Tamas errar si vede,
Di por più non ardisca fra le mie soglie il piede.</poem>
 
===''Ircana in Julfa''===
<center>Viale de’ platani con veduta della città di Julfa con porta e ponte levatore. Sole che spunta<br>IRCANA ''in abito virile sopra un sedile erboso, che dorme fra i platani''. BULGANZAR ''che passeggia a poca distanza''.</center>
<poem>'''Bulganzar''': Quanto aspettar dovremo, che a Julfa apran le porte?
Quest’aria sul mattino pizzica troppo forte.
Per me poco mi cale, che ho le membra indurate;
Quest'aria in sul mattino pizzica troppo forte.</poem>
 
===''L'adulatore''===
<center>Camera in casa di Pancrazio, con varie sedie.<br>PANCRAZIO, OTTAVIO, DOTTORE, FLORINDO ''ed un'' NOTARO, ''tutti a sedere, e'' TRASTULLO ''in piedi'.</center>
'''Panc.''' Signor Dottore, adesso si leggerà il testamento del quondam signor Petronio vostro fratello, e se voi sarete l’erede, o se voi sarete il tutore di Rosaura sua figlia, son pronto a darvi tutto, fino a un picciolo. Egli è morto in casa mia, ma è morto in casa di un galantuomo. Siamo stati compagni di negozio, e ci siamo amati come due fratelli. Gli sono stato fedele in vita, gli sarò fedele anche dopo morte; e mi scoppia il cuore nel pensare che il cielo mi ha tolta la cosa più cara che aveva in questo mondo. Signor notaro, apra il testamento e lo legga.
 
===''L'impostore''===
<center>Luogo campestre con osteria.<br>BRIGHELLA ''in divisa militare, con bastone e schioppo da sargente, alla testa di alcuni soldati ch'egli fa marciare con ordine, e dopo aver loro comandato alcuni piccioli movimenti, li fa schierare in fondo alla scena, e riposare sull'armi''. ORAZIO ''da un lato sta osservando l'operazion di Brighella, dopo di che questi si accosta ad Orazio, parlando fra di loro, in distanza tale da non essere intesi dai soldati''.</center>
'''Oraz.''' Bravo, signor sargente. (''ironico'')<br>
'''Brigh.''' Grazie umilissime all'onor che me fa l'illustrissimo signor capitano, (''anch'egli con ironia'')<br>
'''Oraz.''' In confidenza. A questi nostri soldati che cosa daremo da mangiare e da bere?<br>
'''Brigh.''' Per darghe da bever ghe penso mi; basta che vussioria ghe daga da magnar.
 
===''L'impresario di Smirne''===
<center>Sala comune nella locanda di Beltrame.<br>''Beltrame aggiustando i mobili della sala, poi il Conte Lasca''</center>
'''Las.''' Buon giorno, messer Beltrame.<br>
'''Beltr.''' Servitor umilissimo del signor Conte. Che cosa ha da comandarmi?<br>
'''Las.''' Mi è stato detto, che al vostro albergo sono arrivati ieri de' virtuosi; è egli vero?<br>
'''Beltr.''' Sì signore. Un soprano e una donna.
 
===''L'incognita''===
<center>Campagna, e si vede l’aurora che va dilatandosi.<br>ROSAURA ''e'' FLORINDO</center>
'''Ros.''' Oh Dio! Florindo, dove mi conducete voi?<br>
'''Flor.''' Andiamo, e non temete. Un calesse ed un cavallo ci aspettano. Voi salirete in calesse con Colombina, io a cavallo vi seguirò, e fra un’ora al più saremo in luogo sicuro.<br>
'''Ros.''' Ah, l’onor mio vi sia a cuore!
 
===''L'ippocondriaco''===
<center>MELINDA ''sola''.</center>
<poem>Crepa, schiatta, in malora,
Prego il ciel che da vero
Ti venga tutto il mal ch'hai nel pensiero.
Si può sentir di peggio!</poem>
 
===''L'isola disabitata''===
<center>Spiaggia marittima nel litorale dell'Isola con navi in qualche distanza, e varie feluchette vicine, dalle quali sbarcano ROBERTO, VALDIMONTE, GARAMONE, PANICO, CAROLINA, GIACINTA,MARINELLA, ''Artefici, Marinari e Soldati''.</center>
<poem>'''Coro pieno''' Che bel piacere dal mare infido
Scender contenti sul caro lido!
Goder la pace, la libertà!</poem>
 
===''La bancarotta''===
'''Zel.''' (''lavorando'') Avete molto da lavorare questa mattina?<br>
'''Lin.''' Sì, molto.
 
===''La guerra''===
<center>Camera in casa del Commissario, con lumi accesi, con tavolini, sedie, ecc.<br>''Don'' FABIO ''che taglia al faraone. Il'' CONTE CLAUDIO, ''che punta al faraone. Donna'' FLORIDA ''e don'' FAUSTINO ''a sedere, parlando e amoreggiando fra di loro. Don'' FERDINANDO ''e donna'' ASPASIA ''a un altro tavolino, bevendo, con bottiglia, bicchieri ecc. Altri due Ufficiali, che puntano al Faraone. Altri Ufficiali, che giocano ad un altro tavolino. Un'' CAPORALE.</center>
'''Con.''' Paroli al sette.<br>
'''Fau.''' Donna Florida, mi permettete ch'io vada a quella banca di faraone ad arrischiar la mia sorte?<br>
'''Flo.''' Stupisco che possa venirvi in capo la volontà di giocare.<br>
'''Fau.''' E perché vi maravigliate?
 
===''La madre amorosa''===
<center>Camera di donna Aurelia.<br>DONNA AURELIA ''e'' PANTALONE.</center>
'''Pant.''' La supplico de benigno perdon, se vegno a darghe el presente incomodo. L'affar xe de premura; e el zelo della mia servitù me conduse a sta ora importuna a incomodar vusustrissima.<br>
'''Aur.''' Caro signor Pantalone, in ogni tempo vi vedo assai volentieri. La vostra buona amicizia mi ha sempre giovato, e non sarà che profittevole per me l'incomodo che ora vi siete preso.
 
===''La mascherata''===
<center>Luogo terreno che introduce al cortile di Beltrame, dove le Donne lavorano la seta.<br>DONNE ''che incannano la seta e cantano, indi'' BELTRAME</center>
<poem>'''Donne''' Amore è fatto come un uccelletto,
Che va di ramo in ramo saltellando:
Venuto è con un volo nel mio petto,
E il povero mio cor mi va beccando.
Lo voglio accarezzare il poveretto,
Finché per divertirmi va cantando;
E quando avrà finito di cantare,
A un altro ramo il lascierò volare.</poem>
 
===''Le avventure della villeggiatura''===
'''Don Florindo''' - Signora consorte carissima, credo che ce ne possiamo tornare al nostro paese, e se aveste aderito a quello che io diceva, non saremmo nemmeno venuti a Palermo.<br>
'''Donna Rosaura''' - Che avrebbero mai detto di noi le donne del nostro rango, se dentro il primo anno del nostro matrimonio non fossimo venuti a far qualche sfarzo nella città capitale?
 
===''Le inquietudini di Zelinda''===
<center>Camera in casa di don Flaminio, con varie sedie.<br>LINDORO, FABRIZIO ''e servitori''</center>
'''Lind.''' (''A sedere in aria di melanconia'')<br>
'''Fabr.''' Via, accomodate bene le sedie, ripulite bene per tutto, che non abbiano occasione di lamentarsi. (''ai Servitori, i quali mettono sei o sette sedie in semicircolo, e partono'') Che avete, Lindoro, che siete sì melanconico?<br>
'''Lind.''' Non posso lasciar di piangere e di rattristarmi, quando penso alla perdita che abbiamo fatta del povero don Roberto. Sono due mesi ch'è morto, e l'ho sempre presente allo spirito e al cuore, ma oggi principalmente, oggi questa cerimonia lugubre mi rinnova il dolore ch'ho avuto il giorno della sua morte.
 
===''Le massere''===
<center>''Strada con due case, una della signora Costanza, l'altra della signora Dorotea''.<br>''Momolo forner, poi Zanetta, poi donna Rosega''</center>
<poem>'''Momolo''': (''dopo avere alcuna volta fischiato'')
Ste massere le dorme, e le me fa subiar;
Vôi batter alla porta, vôi farle desmissiar. (''Batte da Zanetta''.)</poem>
 
===''Lugrezia romana in Costantinopoli''===
<center>Sala regia con trono alla turchesca, preparato per l'incoronazione di Mirmicàina.<br>ALBUMAZAR, MAIMUT ''e Popolo''.</center>
<poem>'''Alb.''' Olà, principi, nati
Del mio sangue real, benché bastardi,
Soldati, eunuchi, popolo, canaglia,
Udite il mio comando: oggi ciascuno,
Benché sia maomettano,
Se brama il mio favor, parli italiano.</poem>
 
===''Un curioso accidente''===
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Gli amori di Zelinda e Lindoro]'', in "Commedie scelte", Volume Terzo, 4a edizione, Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
 
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm I bagni di Abano]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm I due gemelli veneziani]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm I malcontenti]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il bugiardo]'', in "Commedie scelte", Volume Terzo, 4a edizione, Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il buon compatriotto]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere di buon gusto]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere di spirito ovvero La donna di testa debole]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere e la dama]'', in "Commedie", a cura di Giuseppe Petronio, Rizzoli Editore, Milano, 1958.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere giocondo]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il conte Caramella]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il conte Chicchera]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il contrattempo]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il festino (Commedia di carattere)]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il festino (Dramma giocoso)]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il feudatario]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il filosofo]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il filosofo di campagna]''. ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il filosofo inglese]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il finto principe]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il frappatore]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il geloso avaro]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il genio buono e il genio cattivo]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il giuocatore]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il gondoliere veneziano ossia Gli sdegni amorosi]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Ircana in Ispaan]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Ircana in Julfa]'', in "La sposa persiana; Ircana in Julfa; Ircana in Ispaan", a cura di Marzia Pieri, Venezia, Marsilio, 1996.
 
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'adulatore]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'Amante Cabala]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'amante di sé medesimo]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'amante militare]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'amore artigiano]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'amore paterno, o sia La serva riconoscente]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'Arcadia in Brenta]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'avaro]'', in "Commedie scelte", Volume Terzo, 4a edizione, Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'avventuriere onorato]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'avvocato veneziano]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'erede fortunata]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'impostore]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'impresario di Smirne]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'incognita]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'isola disabitata]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
 
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La bancarotta, o sia Il mercante fallito]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La birba]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La bottega da caffè]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La favola de' tre gobbi]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La fiera di Sinigaglia]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La figlia obbediente]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La finta ammalata]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La fondazion di Venezia]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La gelosia di Lindoro]'', in "Commedie scelte", Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La guerra]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''La locandiera'', a cura di Gerolamo Bottoni, Carlo Signorelli Editore, Milano 1934.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La madre amorosa]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La mascherata]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
 
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le avventure della villeggiatura]'', in "I capolavori", a cura di Giovanni Antonucci, Newton Compton Editori, 1992.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le donne gelose]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le donne vendicate]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le femmine puntigliose]'', in "Commedie", a cura di Giuseppe Petronio, Rizzoli Editore, Milano, 1958.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le inquietudini di Zelinda]'', ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Lugrezia romana in Costantinopoli]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le massere]'', in "I capolavori", a cura di Giovanni Antonucci, editore Newton Compton, Roma, 1992.
 
*Carlo Goldoni, ''Memorie'', Arnoldo Mondadori Editore, traduzione di Paola Ranzini, Milano 1993.
22 026

contributi