Fernanda Romagnoli: differenze tra le versioni

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici"
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette)
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
*''Chi [[amico]] ti chiama – è beato. | Felice colei che ogni giorno | ti parla ti tocca | ti dorme a lato''. (da ''Cristallo di rocca'')
 
*''Come spenti | passano i vinti, passa il vittorioso | manipolo, ridente pur se stanco. | E in mezzo, lui , che ancora la tribuna | vibra al suo nome, echeggia la collina. | A testa china, assorto, | la dolce nuca ersuta di sudore, | l'ecchimosi, lo strappo sulla maglia''. (da ''Giovane campione'', {{NDR|[[Gianni Rivera]], cui è dedicata}})
 
*''Ma "vecchio" che significa, poeta, | per te che ricominci ad ogni sguardo | da settant'anni, per l'inesausto slancio | della radice, la sua storia d'anelli | su per il legno, verso la cima, dove "bisbigliano gli uccelli" e fanno a giorno le costellazioni | dell'anima''. (da ''Per il poeta malato'', dedicata a [[Nicola Lisi]])
==Citazioni su Fernanda Romagnoli==
*C'è in questi versi... il segno di un destino poetico, volto a una confessione di continuo sollevata dal puro diarismo per il rovello e l'attesa di una rivelazione, nella linea della grande [[Emily Dickinson|Dickinson]], di [[Cristina Rossetti]]. Esso nasce dall'ininterrotto scontro tra il quotidiano e il visionario. ([[Attilio Bertolucci]])
*Ci sono poeti che hanno un destino di silenzio, anche se a tratti sembra che la gloria, o la fama almeno, li abbia per un attimo baciati. Il silenzio, in vita e in morte, tranne che per qualche breve istante, pare essere il destino di Fernanda Romagnoli, poetessa romana morta nell'86 all'età di settant'anni. ([[Donatella Bisutti ]])
*È un caso letterario Fernanda Romagnoli? Sì, lo è, nel senso più alto, meno effimero... Con ''Il tredicesimo invitato'' ha raggiunto una serena eternità da piccolo classico. ([[Dario Bellezza]])
*Eppure – come nei metafisici inglesi che certamente ha letto, o in [[Giorgio Caproni|Caproni]] cui deve qualcosa, o alla Guidacci che forse le è vicina – quanta vita sotterranea, rappresa, rimane in questa poesia della Romagnoli, capace ancora di fremere di agitarsi di lottare fra l'esistere e l'essere. ([[Marco Forti]])
*La poesia della Romagnoli rispecchia l'essenza della vita: stati d'animo, travagli di coscienza, accensioni spirituali di una donna coraggiosamente impegnata a leggere in sé la propria verità... ([[Diego Valeri]])
*La sua fortuna letteraria era stata come il percorso breve e subito cancellato di una stella cadente che si accende per qualche attimo solo quando è vicina al termine della sua corsa. Prima e dopo quell'attimo, nulla, o quasi. ([[Donatella Bisutti ]])
*Possedere la verità in un'anima e un corpo era il grido, quale a noi risulta, più che un progetto, con cui si chiudeva ''Une saison en enfer''. Il richiamo a [[Arthur Rimbaud|Rimbaud]] tende a sottrarre alla convenzionalità dei due termini di un conflitto mai risolto la sostanza del libro drammatico che abbiamo davanti... ([[Vittorio Sereni]])
*Rarissimo evento, Fernanda Romagnoli è poeta. ([[Pietro Cimatti]])
*Una donna senza storia, Fernanda Romagnoli, se non questa sua quasi segreta passione dello scrivere: come la poetessa americana Emily Dickinson, che amava molto e alla quale per certi aspetti è affine. ([[Donatella Bisutti ]])
 
==Altri progetti==
69 545

contributi