Differenze tra le versioni di "Amos Oz"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  12 anni fa
m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici"
m
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
'''Amos Oz''' (1939 – vivente), scrittore israeliano.
 
*Anch'io ho una [[verità]] assoluta. Sono convinto che sia sempre un male infliggere dolore a qualcuno. Se dovessi sintetizzare tutti e dieci i comandamenti in un unico comandamento, in assoluto direi: non infliggere dolore a nessuno. Questo è il punto fermo della filosofia della mia vita. Il resto è relativo. (dall'intervista di Nuccio Ordine, ''Io, Amos Oz il mediatore. Un colloquio'', ''Corriere della Serasera'', 1° ottobre 2007)
*C'era come la sensazione che mentre gli uomini vanno e vengono, nascono e muoiono, i libri invece godono di eternità. Quand'ero piccolo, da grande volevo diventare un libro. Non uno scrittore, un libro: perché le persone le si può uccidere come formiche. Anche uno scrittore, non è difficile ucciderlo. Mentre un libro, quand'anche lo si distrugga con metodo, è probabile che un esemplare comunque si salvi e preservi la sua vita di scaffale, una vita eterna, muta, su un ripiano dimenticato in qualche sperduta biblioteca a Reykjavik, Valladolid, Vancouver. (da ''Una storia di amore e di tenebra'', traduzione di E. Loewenthal, Feltrinelli)
*Impariamo a rispettare gli altri popoli: ogni uomo è creato a immagine divina, anche se se lo dimentica continuamente. (da ''Una storia di amore e di tenebra'')
69 545

contributi