Differenze tra le versioni di "Enrico Panzacchi"

*Corre intanto il seren per l'universa | Calma notturna e pochi o niuno il sa: | Così l'urna sovente inclina e versa | Silenziosa la [[Felicità]]. (da ''Serenitas'', 13-16)
*Povera Lena mia, tutte le sere | Penso: qui vidi il fèretro passar. | Gridava un prete: - Lesti, il miserere! – | E il medico: - Ha cessato di penar! - || Due fanciulline attonite guardando | Dicean: - Mamma, che pompa, che splendor! – | E due vecchiette il requie borbottando: | - Povera tosa, de’ suoi dì nel fior! - || Parmi ancor di vederli; i lumi in seno | Al denso buio scomparian laggiù. | Mormoravan le labbra: - Una di meno! – | Ma il mio cor dentro: - Un [[angelo]] di più! (''Sull'uscio'')
*Mentre la fiamma crepita, | Ghita, che resta a fare? | Stringiamci al focolare | E amiamo, amiamo... amiam! (da ''Amore e neve'', 13-16)
*Dal fresco rezzo della stanza mia | Veggo laggiù brillar nitidamente | L’asciutta rena e i sassi del torrente, | Che un limpido fil d’acqua al fiume invia: || Rompe il verde del pian la bianca via | Che s’allontana tortüosamente; | Presso la siepe, al sol, dorme un pezzente | Del suo magro cagnuolo in compagnia: || Più là, da un campo biondeggiante, uguale | Suona il rispetto d’una curva schiera | Di mietitrici: stridon le cicale: | | E per l’aria tranquilla, in tra la nera | Cànepa, d’improvviso ondeggia e sale | Il fumo e il fischio della vaporiera. (''Meriggio'')
 
==Bibliografia==
Utente anonimo