Differenze tra le versioni di "Epitaffi dai libri"

nessun oggetto della modifica
 
*Io vorrei giacere nel cimitero dei ''chlysty'' di Tarusa, sotto il cespuglio di sambuco, in una di quelle tombe con la colomba d'argento, dove crescono le fragole più rosse e più grosse delle nostre parti.<br>Ma se ciò è irrealizzabile, se non solo a me non è dato di giacere là, ma addirittura non esiste più quel cimitero, allora vorrei che su uno di quei colli che le Kirillovne attraversavano per venire da noi a Pesočnaja, e noi da loro a Tarusa, ponessero una pietra della cava di Tarusa:<br>{{Centrato|Qui avrebbe voluto giacere}}{{Centrato|{{Maiuscoletto|MARINA CVETAEVA}}}}
:([[Marina Ivanovna Cvetaeva]], ''Il diavolo'')
 
*Povero Johnny! Lo rividi solo una volta, e lo trovai completamente cambiato... non sopportava più gli indigeni, i bianchi, e non so che altro. Quando ripassai da queste parti, era morto e sepolto. Piantai una tavola di legno sulla sua tomba: ''John Adams, obit 1868. Continua la tua opera.''
:([[Robert Louis Stevenson]], ''La spiaggia di Falesà'')
 
*Quando sono andata a Taranto a parlare con le vedove degli operai uccisi dal cancro, all'Ilva, sotto la casa di una famiglia sterminata dal tumore ho trovato una lapide, fatta mettere dall'ultimo dei morti quando era ancora vivo e combattivo, quando sperava che non sarebbe toccato anche a lui. Io vi maledico, ha scritto sulla pietra. Maledico voi che sapete cosa ci state facendo, voi che lo fate e voi che guardate in silenzio, i colpevoli e gli indifferenti, i padroni e i politici, i sindacati e i preti. Voi che pensate solo a voi stessi, e non ci ascoltate.