Differenze tra le versioni di "Marie-Madeleine Guimard"

Gino Monaldi
(Gino Monaldi)
==Citazioni su Marie-Madeleine Guimard==
*Natura vibrante e lieta, generosa e appassionata, ella spendeva le sue ricchezze senza contare, dispensando con la medesima foga i tesori del suo cuore. ([[Gaston Vuillier]])
 
*Per la società parigina dell'ultimo scorcio del secolo decimottavo la Guimard rappresentò la poesia d'una fata, fata incantatrice sulla scena, e fata pietosa e caritatevole fuori di essa. La sua grande ricchezza permettevagli prodigalità eccessive. Le sue feste hanno lasciato ricordi di sontuosità leggendaria. La bontà del suo cuore ebbe talvolta ispirazioni felici. ([[Gino Monaldi]])
 
*Verso la line del millesettecento, una brillante ballerina apparve, e per ventisei anni di fila appassionò la corte e la città. «È un'ombra che percorre i boschetti dell’Eliseo – scriveva un autore contemporaneo; – è una musa graziosa che attira a sé i mortali.» Non paga d'incatenare gli spettatori con la dolcezza della sua danza, con la grazia voluttuosa dei suoi movimenti, con la squisita cadenza dei suoi passi, la Guimard abbagliò i suoi contemporanei col fasto, col lusso inaudito delle sue feste che rivaleggiarono spesso con quelle della corte: e fece stupir la gente con le sue prodigalità. ([[Gaston Vuillier]])
28 769

contributi