Differenze tra le versioni di "Friedrich Nietzsche"

(→‎Ditirambi di Dioniso: fix, allineo.)
 
===''Ditirambi di Dioniso''===
*''Che vuoi sottrarre, | che suoni vuoi afferrare, | cosa strapparmi sotto tortura, | torturatore! | Tu, dio-giustiziere | Oppure dovrei come un cane | rotolarmi davanti a te? | Arresa, in estasi fuori-di-me, | scodinzolando – dirti quanto ti amo! | Invano! | Continua a colpire, | pungiglione spietato! | Non sono un cane – sono la tua selvaggina, | cacciatore spietato! | La tua più orgogliosa prigioniera, | predone dietro le nubi... | Parla infine! | Tu cinto di fulmini Ignoto! parla! | Che vuoi, tagliaborse, da – ''me''... || ''[...]'' || | ''[...]'' Dammi ''amore'' – chi mi riscalda? | chi mi ama ancora? – | Dammi mani calde, | dammi bracieri per il cuore, | da' a me sola, sola come nessuno | cui il ghiaccio, sette strati di ghiaccio, | fa sognare di aver dei nemici, | perfino nemici, | dammi, consegna, | nemico spietato, | a me – ''te stesso!''... || Via di qui! | Ed ecco, da sé è fuggito | il mio unico compagno, | il mio grande nemico, | il mio ignoto, | il mio dio-giustiziere!... | No! |<br>torna indietro, | ''con'' tutti i tuoi martirii! | Le mie lacrime | corrono a te | e l'ultima fiamma del mio cuore | si erge per te. | Oh torna indietro, | mio dio ignoto | mio ''dolore'', | mia estrema felicita!...<br><br>''{{small|Un lampo. Appare [[Dioniso]] in uno splendore di smeraldo.}}''<br><br>''Dioniso'':<br><br>Sii saggia, [[Arianna (mitologia)|Arianna]]!...| Tu hai orecchie piccole, hai le mie orecchie: | mettici una parola saggia {{sic|– !}} | Se ci si vuole amare non si deve forse prima odiarsi?... | ''Io sono il tuo labirinto...'' ''Da ''Lamento di Arianne'', in ''Poesie'', cura e traduzione di [[Anna Maria Carpi]], Einaudi, Torino, 2000, pp. 207-211. ISBN 88-06-15538-5</ref>
*''L'anima mia, | con la sua lingua insaziabile | ha già leccato tutte le cose buone e cattive, | in tutte le profondità si è spinta. | Ma come un sughero sempre | è tornata a galla, in superficie, | come fa l'olio cangiante sui mari bruni: | per via di quest'anima mi chiamano il felice.'' (da ''Della povertà dei più ricchi'')
*''O scaltri naviganti! | Rovine di stelle antiche! | Voi mari del futuro! Insondati cieli! | a tutti i solitari getto ora il mio amo: | rispondete all'impazienza della fiamma, | catturate per me, pescatore su alti monti, | la mia settima, ''ultima'' solitudine! – –'' (da ''Il segnale di fuoco'')