Differenze tra le versioni di "Libro dei Proverbi"

nessun oggetto della modifica
*''Non desiderare in cuor tuo la sua bellezza; | non lasciarti adescare dai suoi sguardi, | perché, se la [[prostituzione|prostituta]] cerca un pezzo di pane, | la maritata mira a una vita preziosa.'' (6, 25 – 26; 1974)
*''Chi corregge il [[beffardo]] se ne attira il disprezzo, | chi rimprovera l'empio se ne attira l'insulto. | Non [[rimprovero|rimproverare]] il beffardo per non farti odiare; | rimprovera il saggio ed egli ti amerà.'' (9, 7 – 8; 1974)
*''Le [[acqua|acque]] furtive sono dolci, | il [[pane]] preso di nascosto è gustoso.''<ref>Frase pronunciata da una "donna irrequieta", "una sciocca che non sa nulla", rivolgendosi "a chi è privo di senno." {{Cfr}} 9, 13-16.</ref> (9, 17; 1974)
*''L'[[amore e odio|odio]] suscita litigi, | l'[[amore]] ricopre ogni colpa.'' (10, 12; 1974)
*''È sulla via della vita chi osserva la [[disciplina]], | chi trascura la [[correzione]] si smarrisce.'' (10, 12; 1974)
*''Come l'aceto ai denti e il fumo agli occhi | così è il [[pigrizia|pigro]] per chi gli affida una missione.'' (10, 26; 1974)
*''La [[bilancia]] falsa è in abominio al Signore, | ma del peso esatto egli si compiace.'' (11, 1; 1974)
*''Le parole del [[calunnia|calunniatore]] sono come ghiotti bocconi | che scendono in fondo alle viscere.'' (18, 8; 1974)
*''Chi [[risposta|risponde]] prima di avere ascoltato | mostra stoltezza a propria confusione.'' (18, 13; 1974)
*''Chi ha trovato una [[moglie]] ha trovato una fortuna, | ha ottenuto il favore del Signore.'' (18, 22; 1974)
*''Lo [[zelo]] senza riflessione non è cosa buona, | e chi va a passi frettolosi inciampa.'' (19, 2; 1974)
*''Le [[Ricchezza e povertà|ricchezze]] moltiplicano gli amici, | ma il [[Ricchezza e povertà|povero]] è abbandonato anche dall'amico che ha.'' (19, 4; 1974)
*''È piacevole all'uomo il [[pane]] procurato con frode, | ma poi la sua bocca sarà piena di granelli di sabbia.'' (20, 17; 1974)
*''I guadagni accumulati in fretta da principio | non saranno benedetti alla fine.'' (20, 21; 1974)
*''Vanto dei [[Giovinezza e senilità|giovani]] è la loro forza, | ornamento dei [[Giovinezza e senilità|vecchi]] è la [[canizie]].'' (20, 29; 1974)
*''Le [[ferita|ferite]] sanguinanti spurgano il male, | le [[percosse]] purificano i recessi del cuore.'' (20, 30; 1974)
*''Occhi alteri e cuore superbo, | lucerna degli empi, è il [[peccato]].'' (21, 4; 1974)
*''La violenza degli [[empietà|empi]] li travolge, | perché rifiutano di praticare la giustizia.'' (21, 7; 1974)
*''La via del [[Innocente e colpevole|colpevole]] è tortuosa, | ma l'innocente opera con rettitudine.'' (21, 8; 1994)
*''È una gioia per il giusto che sia fatta [[giustizia]], | mentre è un terrore per i malfattori.'' (21, 15; 1974)
*''Diventerà [[indigenza|indigente]] chi ama i piaceri | e chi ama vino e profumi non arricchirà.'' (21, 17; 1974)
*''Meglio abitare in un deserto | che con una moglie litigiosa e irritabile.'' (21, 19; 1974)
*''Chi segue la giustizia e la [[misericordia]] | troverà vita e gloria.'' (21, 21; 1974)
*''Tutta la vita l'[[Empietà|empio]] indulge alla [[cupidigia]], | mentre il giusto dona senza risparmiare. | Il sacrificio degli empi è un abominio, | tanto più se offerto con cattiva intenzione.'' (21, 26 – 27; 1974)
*''Il sacrificio degli empi è un abominio, | tanto più se offerto con cattiva intenzione.'' (21, 27; 1974)
*''L'empio fa la [[faccia tosta]], | ma l'uomo retto rende ferma la sua condotta.'' (21, 29; 1994)
*''Un [[buon nome]] val più di grandi ricchezze | e la benevolenza altrui più dell'argento e dell'oro.'' (22, 1; 1974)
*''L'[[Accortezza|accorto]] vede il pericolo e si nasconde, | gli inesperti vanno avanti e la pagano.'' (22, 3; 1974)
*''Frutti dell'[[umiltà]] sono il timore di Dio, | la ricchezza, l'onore e la vita.'' (22, 4; 1974)
*''La [[stoltezza]] è legata al cuore del fanciullo, | ma il bastone della [[correzione]] l'allontanerà da lui.'' (22, 15; 1974)
*''Opprimere il povero non fa che arricchirlo, | dare a un ricco non fa che impoverirlo.'' (22, 16; 1974)
*''Non ti associare a un [[collera|collerico]] | e non praticare un uomo iracondo, | per non imparare i suoi costumi | e procurarti una trappola per la tua vita.'' (22, 24 – 25; 1974)
*''Non affannarti per [[Ricchezza|arricchire]], | rinunzia a un simile pensiero; | appena vi fai volare gli occhi sopra, | essa già non è più: | perché mette ali come aquila | e vola verso il cielo.'' (23, 4 – 5; 1974)
*''Piega il cuore alla correzione | e l'orecchio ai discorsi sapienti. | Non risparmiare al giovane la correzione, | anche se tu lo batti con la [[verga]], non morirà; | anzi, se lo batti con la verga, | lo salverai dagli inferi.'' (23, 12 – 14; 1974)
*''Non essere fra quelli che s'inebriano di vino, | né fra coloro che son ghiotti di [[carne]], | perché l'ubriacone e il ghiottone impoveriranno | e il [[dormiglione]] si vestirà di stracci.'' (23, 20 – 21; 1974)
*''Con la sapienza si costruisce la [[casa]] | e con la prudenza la si rende salda; | con la scienza si riempiono le sue stanze | di tutti i beni preziosi e deliziosi.'' (24, 3 – 4; 1974)