Differenze tra le versioni di "Primavera"

627 byte aggiunti ,  1 anno fa
+1.
(+1.)
(+1.)
*''Chi vuol goder l'aprile | nella stagion severa, | rammenti in primavera | che il [[inverno | verno]] tornerà. | Per chi fedel seconda | così prudente stile, | ogni [[stagione]] abbonda | de' doni che non ha''. ([[Pietro Metastasio]])
*Come nei primi giorni di primavera qualunque fogliame ha lo stesso colore e quasi la stessa forma, così nella prima giovinezza ci rassomigliamo tutti, e andiamo d'accordo perfettamente. ([[Arthur Schopenhauer]])
*''È molto ciò che regala una giornata | di primavera – ma non sappiamo spenderlo | né accumularlo, tanto | la sua moneta è in disuso. | Ti sembra astruso dar credito | al minuscolo scoppio della foglia | che sbuccia il ramo a livello di finestra, | e neppure t'accorgi di vederla | nel mattinale scontento... | Ma ne dura | la gioia in te fino a sera: in una voglia | di cominciare da capo, una maldestra | baldanza nel tuo passo, | mescolato alle giovani creature, | nell'indulgenza di te... Già questo solo | basterebbe per chiudere all'attivo | il raccolto del giorno – incluso il dolo.'' ([[Fernanda Romagnoli]])
*{{NDR|A [[marzo]]}} Ecco il momento, ecco i giorni in cui la primavera come un giovane forsennato urta con la spalla contro la muraglia del freddo. ([[Julien Green]])
*Eppure un guizzo solo di primavera basta a rendere allegra l'anima vedova, a mutare in piani di esaltata Arlecchina queste ostinate gramaglie. ([[Gesualdo Bufalino]])