Differenze tra le versioni di "Archibald MacLeish"

+1, piccoli fix.
(+1, piccoli fix.)
 
'''Archibald MacLeish''' (1892 – 1982), poeta americano.
 
==Citazioni di Archibald MacLeish==
*Cosa è più importante delle [[biblioteca|biblioteche]], se non il fatto che esistono?
:''What is more important in a library than anything else — is the fact that it exists.'' (da ''The Premise Of Meaning'', American Scholar, 5 giugno 1972).
*In quale modo ci parla questa voce indimenticabile? Prima di tutto, e con assoluta evidenza, il tono è perfettamente spontaneo. Nessun atteggiamento o posa preliminare, letterariamente preconcetta. Non si ha mai l'impressione dell'argomento scelto a freddo, del "tema" da svolgere [...] La Dickinson è già nella poesia prima di incominciare, come un bambino è già in un'avventura prima che trovi le parole per parlarne. O, per dirlo in altri termini, solo pochi poeti, e tra i più grandi (viene in mente [[John Donne|Donne]]), hanno scritto in maniera più ''drammatica'' di [[Emily Dickinson]], con un maggior uso di locuzioni vive del discorso drammatico, parole nate vive sulla lingua e scritte come se venissero pronunciate.<ref>Citato in [[Alfonso Berardinelli]], ''100 poeti. {{small|Itinerari di Poesia}}'', Arnoldo Mondadori Editore, Oscar Saggi, 1997<sup>1</sup>, p. 105. ISBN 88-04-43500-3</ref>
*Lo scopo della [[legge]] è di fare ordine nella confusione della vita umana, garantendole possibilità di tutelarsi, mezzi, e persino dignità.
:''The business of the law is to make sense of the confusion of what we call human life—to reduce it to order but at the same time to give it possibility, scope, even dignity.'' (da ''Art and Law'', in ''Riders on Earth'', 1978)
 
==Note==
<references />
 
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
{{stub}}
 
{{stubs}}
[[Categoria:Poeti statunitensi|Macleish, Archibald]]
 
{{DEFAULTSORT:MacLeish, Archibald}}
[[Categoria:Poeti statunitensi|Macleish, Archibald]]