Differenze tra le versioni di "Gaio Svetonio Tranquillo"

(+incipit)
:''Ad id tempus Epidius calumnia notatus ludum docendi aperuit docuitque inter caeteros Marcum Antonium et Augustum. Quibus quondam Caius Canidius obicientibus sibi quod in Republica administranda potissimum consularis Isaurici sectam sequeretur, malle respondit Isaurici esse discipulum, quam Epidii calumniatoris. Hic Epidius ortum se ab Epidio Nucerino praedicabat, quem ferunt olim praecipitatum in fontem fluminis Sarni, paulo post cum cornibus extitisse, ac statim non comparuisse, in numeroque deorum habitum.''<ref>Da ''De Grammaticis'', 28.</ref>
*Quando giunse la notizia... {{NDR|a proposito della sconfitta di Varo a Teutoburgo}} dicono che Augusto si mostrasse così avvilito da lasciarsi crescere la barba ed i capelli, sbattendo, di tanto in tanto, la testa contro le porte e gridando: "Varo rendimi le mie legioni!". Dicono anche che considerò l'anniversario di quella disfatta come un giorno di lutto e tristezza.<ref>Da ''Vite dei dodici Cesari'', [[s:la:Vita divi Augusti#23|II – 23]].</ref>
*Lui {{NDR|[[Gaio Giulio Cesare]]}} ebbe per amanti anche regine, incluse Eunoe la more, moglie di Bogud, alla quale, così come a suo marito, donò molti splendidi regali, come scrive Nasone; ma la più importante tra tutte fu [[Cleopatra]], con cui spesso festeggiava fino all'alba e con cui avrebbe attraversato tutto l'Egitto fino all'Etiopia sulla sua lancia reale, se i suoi soldati non si fossero rifiutati di seguirlo.<ref>Da ''Vite dei dodici Cesari'', [[s:la:Vita divi Iuli#52|I – 52]].</ref>
:''Dilexit et reginas, inter quas Eunoen Mauram Bogudis uxorem, cui maritoque eius plurima et immensa tribuit, ut Naso scripsit; sed maxime Cleopatram, cum qua et conuiuia in primam lucem saepe protraxit et eadem naue thalamego paene Aethiopia tenus Aegyptum penetrauit, nisi exercitus sequi recusasset.''
 
==[[Incipit]] di ''Cesare''==
55

contributi