Ulisse Bacci: differenze tra le versioni

→‎Citazioni: corretto wlink
(→‎Citazioni: altra sulla croce)
(→‎Citazioni: corretto wlink)
*[[Francesco Bacone|Bacone da Verulamio]], uno dei più grandi, forse il più grande dei precursori della filosofia moderna, con la sua «Instauratio magna» creò il più logico dei metodi per dirigere negli studi le intelligenze e sostituì questo metodo, fondato unicamente sulla testimonianza dei sensi, sull'osservazione della natura e sugli esperimenti, a quello di Aristotele, che derivava tutto dal ragionare. Perciò fu detto che Bacone fu il primo a battere in breccia la scuola Aristotelica, mentre tutti, o per timore o per deficienza di ingegno, la veneravano. (Parte prima, Origini e riti, p. 62)
 
*Migliaia di anni prima del cristianesimo, la [[Croce (simbolo)|croce]] era emblema sacro presso gli antichi popoli: decorava, in Egitto, le mani della massima parte delle statue divine, e nell'India appariva scolpita sopra i più maestosi santuari: anche i Templi di Ellora e di Elefanta erano scavati nella roccia in forma di croce così come quelli di {{sic|Bemares}} e di Mathura.<br>La croce, qualunque forma abbia assunto, significò sempre vita, nuova vita; i Cristiani l'ebbero come simbolo di sacrificio e di morte; ma non mancano prove che anche per essi esprimesse l'identica idea, che significò nelle remotissime religioni. (Parte prima, Origini e riti, p. 65)
 
*La croce, [...], nella remotissima antichità, simboleggiava il congiungimento dell'eclittica con l'equatore: per gli iniziati, non era dunque che l'immagine degli equinozi: a quello di primavera simboleggiava la vita, a quello di autunno la morte: è sempre l'antica leggenda del sole. (Parte prima, Origini e riti, p. 65)
37 923

contributi