Ritratto: differenze tra le versioni

1 byte aggiunto ,  2 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 79.31.118.184 (discussione), riportata alla versione precedente di AssassinsCreed)
Etichetta: Rollback
Nessun oggetto della modifica
Etichetta: Annulla
*Fare un ritratto per me è la cosa più difficile. Difficilissima. È un punto interrogativo poggiato su qualcuno. ([[Henri Cartier-Bresson]])
*Ho cominciato ad amarti mentre mi facevi quel ritratto. Non avevo mai provato una cosa così. Tu mi dipingevi la faccia, ed era come se tu mi accarezzassi, ma tu non te ne accorgevi. (''[[Le amiche]]'')
*I ritratti di uomini celebri per le loro opere, fatti generalmente in un'epoca in cui la loro celebrità era già stabilita, confermano la regola precedente; essi ce li presentano ordinariamente vecchi e canuti, sopratuttosoprattutto i filosofi. ([[Arthur Schopenhauer]])
*Il pittore di ritratti è come lo scrivano, obbligato a copiare l'altrui scritto, senza poterlo correggere quando è sbagliato. ([[Alessandro Manzoni]])
*L'imitazione del bello della natura o si attiene ad un solo modello o è data dalle osservazioni fatte su vari modelli riunite in un soggetto solo. Nel primo caso si fa una copia somigliante, un ritratto: è il modo che conduce alle forme ed alle figure olandesi. Nel secondo caso invece si prende la via del bello universale e delle immagini ideali di questo bello; ed è questa la via che presero i Greci. ([[Johann Joachim Winckelmann]])
Utente anonimo