Scugnizzo

Citazioni sullo scugnizzo.

  • Arravugliate, aggliummarute, astrinte, | 'e vvide 'e durmì 'a notte a nu puntone. | Chiove? E che fa! Quanno nun stanno rinte | 'a meglia casa è sott'a nu bancone. || Passa 'o signore, 'e conta a diece, a vinte, | 'e cumpiatesce e lle mena 'o mezzone. | Cierte, cu 'e bracce chiene 'e chiaje finte, | cercanno 'a carità fanno cuppone. || Cu 'e scorze 'e pane e ll'osse d''a munnezza, | màgnano nzieme 'e cane a buon cumpagne; | na streppa 'e nu fenucchio è n'allerezza. || Uno 'e miezo Palazzo, nu ziracchio, | p'avé nu soldo, ne faceva lagne!... | Nun l'aveva? Allazzava nu pernacchio. (Ferdinando Russo)
  • Durante la sfilata a Napoli delle squadre di camicie nere, nell'ottobre del 1922, uno scugnizzo chiese ad alta voce, dinanzi a tante braccia protese nel saluto romano: «Ma ched'e', chiove?» (Ma cos'è, vedono se piove?). Quello scugnizzo non sapeva di fissare un tratto di storia. (Eccetera, eccetera.) (Giovanni Artieri)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica