Preghiere napoletane

Raccolta di preghiere napoletane.

Preghiere napoletaneModifica

  • Àneme sante, àneme scordate | ch'a chisto munno site state, | Mpùrgatorio ve trovate, Mparadiso site aspettate, | Deh, priate ll'Aterno Pate | Pe le mmeje necessitate, | E conforme nce sentite | Addefrescate vuje sarrite.[1]
Anime sante, anime dimenticate | che a questo mondo siete state, | in Purgatorio vi trovate, in Paradiso siete attese, | deh!, pregate l'Eterno Padre | per le mie necessità, | e così come voi ci ascoltate | voi avrete suffragi (sarete suffragate).
  • Faccia gialluta, | accurr' e stuta | sta lampa de 'nfierno. | Ora pro nobis. || San Gennaro mio putente, | tu scioscia chesta cènnera | e sarv' a tanta gente | d' 'a morte 'e lav' ardente. | Ora pro nobis. || Miserere miserere! | Songo 'e peccate | pro me pate, | san Gennaro, miserere! | Tu si' 'o prutettore nuosto: | san Gennaro miserere. | Ora pro nobis. || Dill'a Dio, a Crist' e i Sante . | ca pentute simmo tutte quante, | ca peccà' chiù nu' bulimmo, | eccu cà pentute simmo. | 'Razia 'razia, san Gennaro, | a fùrmena, tempestate, | a scuritata magna, libera nos Dòmene. | San Gennaro, ora pro nobis, | San Gennaro, miserere, | chistu populo è fedele, san Gennaro miserere.[2]
Faccia ingiallita[3], | accorri e spegni | questa vampa d'inferno. | Ora pro nobis. || San Gennaro mio potente, | tu soffia questa cenere | e salva tanta gente | dalla morte per lava ardente. | Ora pro nobis. || Miserere misere! | Sono i peccati | pro me [...], | san Gennaro, miserere! | Tu sei il nostro protettore: | san Gennaro miserere. | Ora pro nobis. || Dillo a Dio, a Cristo e ai Santi | che pentiti siamo tutti, | che non vogliamo più peccare, | ecco qui siamo pentiti. | Grazia grazia, san Gennaro, | da fulmini, tempeste, | dalla grande oscurità, libera nos Domine. | San Gennaro, ora pro nobis, | San Gennaro, miserere, | questo popolo è fedele, san Gennaro miserere.
  • Ogge è santu Dummìneco e siete bemmenuto: si vide la Maronna, e tu me la salute. Salutammell'ampressa: la grazia ca te cerco, pòrtame la 'mmasciata a la Santissima Trenità. I' saccio la cuccata e nun saccio la luvata; Signore mio, scurpazione dei miej'peccate.[4]
Oggi è San Domenico e siete benvenuto: se vedi la Madonna, tu me la saluti. Salutamela presto: la grazia che ti chiedo: recami l'imbasciata alla Santissima Trinità. So quando mi corico, non so il momento in cui mi alzo; Signore mio, espiazione dei miei peccati.
  • San Pantalione santo, | 'ncopp' a 'sta terra patìsteve tanto. | A Nàpule nascìsteve, | a Roma murìsteve: | pe' la vosta santità, | e pe' la mia virginità, | dàteme tre nùmmere pe' carità.[5]
San Pantaleone santo, | sulla terra patiste tanto. | A Napoli nasceste, | a Roma moriste: | per la vostra santità, | e per la mia verginità, | datemi tre numeri, per carità.
  • San Pascale Bailonne, | protettore delle donne, | mannammillo 'nu marito, | bello, tunno e sapurito: | comm'a vuie tale e quale, | glurïoso San Pascale!
San Pasquale Baylón, | protettore delle donne, | mandamelo un marito, | bello, tondo e saporito[6]: | come voi, tale e quale, | o glorioso San Pasquale![7]

NoteModifica

  1. Citato in Ll'ode de Q. Arazio Fracco, travestute da vasciajole de lo Mandracchio da Gabriele Quattomane, co quacch'auta stroppolella fujeticcia pe fà venì lo suonno, Stamparia de lo Comman. Nobele, Napoli, 1870, p. 512
  2. Citato in Luigi Molinari del Chiaro, pp. 300-301.
  3. Epiteto con cui si invoca in modo molto confidenziale San Gennaro.
  4. Citato in Sergio Zazzera, Proverbi e modi di dire napoletani: la saggezza popolare partenopea nelle espressioni più tipiche sul culto della famiglia e dell'ospitalità, sull'amicizia, sull'amore, sul lavoro, sulla religione e la superstizione, Newton & Compton editori, Roma, 2004, p. 236. ISBN 88-541-0119-2.
  5. Citato in Luigi Molinari del Chiaro, p. 300.
  6. Bene in carne e grazioso.
  7. Citato in Antonio Altamura e Vincenzo Giuliani, Proverbi napoletani, Sentenze, locuzioni, wellerismi con 21 disegni del Pinelli e 52 del D'Anna, Fausto Fiorentino, Napoli, stampa 1966, p. 223.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica