Piero Tosi

costumista italiano

Piero Tosi (1927 – 2019), costumista e docente italiano.

Piero Tosi nel 2001

Citazioni di Piero TosiModifica

  • [Su Pier Paolo Pasolini] Conobbi Pier Paolo quando lavorava con Bolognini. Era giovanissimo, faceva il professore alle scuole medie e c’era un rapporto alla pari tra noi. In Medea ripiegò su di me dopo il no di Danilo Donati, impegnato, e non ci fu un rapporto vissuto. Aveva il terrore che gli buttassi addosso il mondo di Visconti quando io, invece, rispettavo il pensiero dei registi con cui lavoravo. Ho sempre visto Pier Paolo come una persona priva della possibilità di avere una dialettica con gli altri: poeta gigante, nei rapporti usuali della vita era schivo, con una vocina che gli usciva a malapena. Raramente mostrava sorrisi. Tutt’al più li sfiorava.[1]
  • [Su Luchino Visconti] Ho vissuto il legame con Luchino come si vivono le cose della vita: avvengono, e noi ci stiamo dentro. In Bellissima, Visconti volle che i costumi sembrassero abiti veri, tolti alle persone per la strada senza neanche lavarli, messi addosso pieni del calore della vita. Fu una grande lezione perché capii cosa significhi realizzare un abito come una buccia del personaggio, come la pelle: quando un attore indossa un costume vissuto, la cui stoffa è addolcita dall’uso, è il segno che vi è passata una vita. Ed è la meraviglia del cinema che, a differenza del teatro, coglie queste cose con occhio feroce.[1]
  • L’abito è architettura, non è pittura, ma forma.[1]
  • [Su Anna Magnani e Maria Callas] Quando ci si avvicina ai talenti non c’è mai discussione né contraddizioni, ma uno sguardo, una parola dove si accomoda tutto. La Magnani era capace di un carattere terribile, ma sul lavoro era docilissima, suggeriva cose necessarie al personaggio. Ricordo che quando realizzammo Bellissima io non conoscevo il romanesco. Un giorno mi disse, «a Piè, qui ce vorrebbe 'na parannanza». Cos’era mai questa cosa a cui Anna accennava? Poi lo scoprii e mi precipitai a un mercatino ad acquistare un grembiule. Maria non metteva bocca nei costumi: appena li indossava li faceva suoi, ne captava le potenzialità, trasformandole in gesti coerenti con quanto vestiva.[1]
  • [Su Federico Fellini] Sono sempre stato un fannullone. Quando incontravo Fellini in piazza di Spagna, facevo finta di non vederlo. Lui eccome se mi vedeva. Allora io cominciavo a correre, e Federico dietro: «Piero, ti prego, per il prossimo film mi farai almeno una scarpina?».[1]

Citazioni su Piero TosiModifica

  • Lui faceva un costume che rappresentava una magia per l'attore che lo indossava, la magia che faceva il personaggio anche grazie al costume. (Claudia Cardinale)

NoteModifica

Altri progettiModifica