Apri il menu principale

Piede femminile

Illustrazione del 1931.

Citazioni sul piede femminile.

  • [L'erezione] era un fatto meccanico e a provocarlo bastava qualunque cosa. Pure, una volta, la statua della Madonna – l'unica donna, in effetti, che c'era in giro, anche se di gesso – con tutta la veste azzurra ma con quel piedino ignudo che sbucava a schiacciare la testa del serpente. Era un piedino provocante. (Antonio Pennacchi)
  • Fammi vedere i piedi, guarda che i piedi sono importanti in una donna. (Fino all'ultimo respiro)
  • L'argomento non ha bisogno di esordio, anche perché il piede della donna è un argomento che.... cammina da sé. (Luigi Arnaldo Vassallo)
  • – Per buona parte di Death Proof lei inquadra i piedi di Jungle Julia (Sydney Tamilia Poitier) da ogni angolazione. Sono belli come quelli di Uma Thurman?
    – Beh, sono belli, grandi, affusolati. Ma piano con i paragoni, i piedi non sono interscambiabili.
    – Ma lei l'ha scelta per quelli?
    – No, era tutto il pacchetto che mi interessava, anche le gambe che non finivano mai. Nella richiesta di casting avevo chiesto "spirito d'amazzone".
    – A proposito di casting: è vero che ha chiesto alle aspiranti di presentarsi al provino con gli shorts e le infradito?
    – Certo, sono un gentiluomo, non avrei mai potuto chiedere di venire nude. (Quentin Tarantino) [dialogo con un giornalista]
  • Per l'uomo sano basta la donna. Per l'uomo erotico basta la calza per giungere alla donna. Per l'uomo malato basta la calza. (Karl Kraus)
  • Perché quelli di donna facevano friggere i versi di Pushkin. (Erri De Luca)
  • Poi, quando sarò morto, non potrà non pensare: Quello stupido vecchio dorme sotto questi piedi bellissimi. Sto ancora calpestando le ossa di quel povero vecchio sotto terra. (Tanizaki Jun'ichirō)
  • Somiglio al Gran Delfino e a Tévenard che non riuscivano, davanti a un grazioso piede di donna, a restare insensibili. (Restif de la Bretonne)
  • Sotto il sole non c'è essere più infelice del feticista che brama una scarpa da donna e deve contentarsi di una femmina intera. (Karl Kraus)

Voci correlateModifica