Pasquale Borri

danzatore e coreografo italiano

Pasquale Borri (1820 – 1884), danzatore e coreografo italiano.

Citazioni su Pasquale BorriModifica

Francesco RegliModifica

  • Non abusa di mimica, ma la mimica alla danza sa innestare per guisa, che se ne va pago il buon senso, ne è vivamente dilettato lo sguardo. I suoi gruppi non sono fuor di natura, non diaboliche le sue figurazioni; i secondi ballerini non saltano, ma ballano, e il suo genere, perché variato e logico, non verrà mai in uggia.
  • Senza intrighi, senza ciarlatanismo, senza annoiare i giornalisti con lamentanze e con lettere, senza consumare quello che guadagna in orgie ed in brindisi, senza vendersi agli Impresarii e agli Editori, che un monopolio fanno di tutto, divenne tosto di moda, e le sue elaborate e divertevoli produzioni sono ormai una necessità pei primarii Teatri d'Italia.
  • Si conservi il Borri sull'intrapresa via, e non vedrà morire i suoi lavori nei portafogli degli Impresari. Cerchi l'effetto, ma all'effetto non sagrifichi la verità e la ragione. Cerchi l'insieme, ma non trascuri le singole parti. Il Ballo lo faccia egli, non il vestiarista, né il macchinista, che debbono soltanto secondarlo.

Altri progettiModifica