Apri il menu principale
Il Partenone nel 2006

Citazioni sul Partenone.

  • Ciò che v'ha di più ammirabile nel Partenone, è la giustezza delle proporzioni. Il rapporto tra l'altezza dei frontoni e le altre dimensioni del tempio, è stato determinato con tale esattezza che l'insieme non è né troppo leggero né troppo pesante, che le linee si armonizzano per produrre, ad un tempo, l'impressione dell'eleganza e della forza. Non meno sorprendente è la perfezione tecnica della costruzione. I grandi massi di marmo, i tamburi delle colonne sono riuniti ed assodati per via di pernii e di caviglie di metallo, ma senza cemento, con commettiture così precise quanto quelle del più fine lavoro d'oreficeria. Mai l'arte moderna, che adopra il cemento con tanta profusione, ha potuto rivaleggiare con gli operai d'Ictino[1]. (Salomon Reinach)
  • [Io e Jacob Spon] Eravamo ansiosi di giungere al tempio di Minerva, la dea principale degli ateniesi, il quale non è soltanto il maggior ornamento della Cittadella, ma anche per materia e arte, il più splendido pezzo d'antichità del mondo intero. (George Wheler)
  • Il Partenone è lo specchio più fedele della portentosa civiltà attica del quinto secolo, di cui riflette inestinguibile la luce spirituale e intellettuale coi suoi profili adamantini e luminosi di ideale perfezione ritmica; dove la materia sembra trasfigurarsi in puro spirito, in pura intelligenza, in pura idea. (Matteo Marangoni)

NoteModifica

  1. Ictino (V secolo a.C.), architetto dell'antica Grecia, progettista del Partenone.

Altri progettiModifica