Pëtr Nikitič Tkačëv

rivoluzionario e scrittore russo

Pëtr Nikitič Tkačëv (1844 – 1886), rivoluzionario e scrittore russo.

Pëtr Nikitič Tkačëv

Citazioni su Pëtr Nikitič TkačëvModifica

  • Come i populisti, egli considerava che la fortuna storica del suo paese consistesse nell'assenza di una borghesia. Ma diversamente da loro, non credeva troppo nelle virtù specifiche del popolo. Una rivoluzione non poteva certamente farsi senza quest'ultimo, ma il popolo doveva essere inquadrato, diretto, guidato, e non affidato a una saggezza storica inesistente. (Hélène Carrère d'Encausse)
  • In Russia egli fu tra i primissimi non soltanto a far conoscere il materialismo storico marxista, ma ad attribuire ad esso un valore politico nella polemica interna del populismo. Fu il solo a dare una coerente visione ideologica di quelle rozze esigenze che s'erano espresse nella figura di Nečaev[1]. (Franco Venturi)
  • Non riuscì mai a creare un vero e proprio movimento, ma la sua azione personale, isolata certo, ma sostenuta da una forte coerenza, sarà sufficiente per fornire al giacobinismo russo una propria fisionomia, per fare del suo blanquismo[2] se non una forza politica immediatamente efficace, certo uno dei fatti importanti nel dibattito politico degli anno '60 e '70. (Franco Venturi)

NoteModifica

  1. Sergej Gennadievič Nečaev (1847 – 1882), rivoluzionario russo, esponente del movimento nichilista.
  2. Auguste Blanqui.

Altri progettiModifica