Nikol Pashinyan

politico armeno

Nikol Pashinyan (1975 – vivente), politico armeno.

Pashinyan nel 2018

Citazioni di Nikol PashinyanModifica

  • Non c'è nazione al mondo riluttante alla pace; non esiste un genitore che non desideri cieli limpidi e senza nuvole per il suo bambino in piedi sul confine.[1]
  • [Sulla guerra nell'Artsakh del 2020] Il popolo armeno era preparato alla possibilità di una guerra. Ci siamo resi conto che l'armenofobia, l'inimicizia e l'odio con cui la dittatura azera ha continuato a istigare la sua popolazione, non hanno potuto portare a nessun'altra conseguenza, se non la guerra. (da un discorso tenuto dopo l'inizio degli scontri nel Nagorno-Karabakh del settembre 2020)[2]
  • [Sulla guerra nell'Artsakh del 2020] Non c’è Armenia senza Artsakh e quindi, proteggere i diritti del popolo di Artsakh significa proteggere i diritti del popolo armeno. E oggi questo significa prendere le armi e lottare per questi diritti. (tweet del 21 ottobre 2020)[3]
  • Ho firmato una dichiarazione con i Presidenti di Russia e Azerbaigian sulla fine della guerra a partire dall'01: 00. Il testo della dichiarazione che è già stato pubblicato è estremamente doloroso per me personalmente e per il nostro popolo. Ho fatto quella discussione sulla base di un'analisi approfondita della situazione militare e delle valutazioni degli individui che meglio comprendevano quella situazione, anche sulla base della convinzione che nella situazione esistente questo fosse il miglior risultato POSSIBILE. Mi rivolgerò alla nazione nei prossimi giorni riguardo a tutto questo. Questa non è una vittoria, ma non c'è sconfitta fino a quando non ti consideri sconfitto. Non ci considereremo mai sconfitti e questo deve diventare il punto di partenza della nostra unità nazionale, era di rinascita. (discorso del 9 novembre 2020 dopo la guerra nell'Artsakh del 2020)[4]

Da Pashinyan: L'Artsakh non è una disputa territoriale

Karabakh.it, 21 novembre 2019

  • Tutti voi qui sapete che l'Armenia si trova in una regione instabile con molti rischi e sfide per la sicurezza. I conflitti irrisolti, che stanno producendo continue tensioni, una corsa agli armamenti e una politica di odio, sono ancora vivi nel Caucaso meridionale.
  • [Sul Conflitto del Nagorno Karabakh] Le radici del conflitto risalgono ai primi giorni dell'Unione Sovietica quando una regione armena con il 95% della popolazione armena fu assegnata all'Azerbaigian con una decisione arbitraria del partito comunista. Ciò è accaduto a seguito di un accordo raggiunto tra la Russia bolscevica e la Turchia kemalista nei primi anni '20.
  • Le autorità azere si rifiutano di negoziare con i rappresentanti del Nagorno Karabakh. Sostengono che il Nagorno Karabakh dovrebbe essere considerato una parte indivisibile dell'Azerbaigian. Ma questa è davvero una posizione molto strana. Da un lato, le autorità azere vogliono che il Nagorno Karabakh faccia parte della loro integrità territoriale. D'altra parte, non vogliono dialogare con i rappresentanti del Nagorno Karabakh. Non è un po' strano? Cosa significa questa posizione? Ciò significa che le autorità azere in realtà non vogliono negoziare con il popolo del Nagorno Karabakh, solo perché vogliono solo i territori ma non le persone. Per essere più precisi – territori, senza le persone.
  • L'armenofobia è diventata una politica statale in Azerbaigian.
  • I cittadini di qualsiasi paese che hanno un cognome armeno o sospettati di avere un'origine etnica armena non possono entrare in Azerbaigian.
  • Un'escalation militare nella nostra regione avrà conseguenze disastrose anche con un impatto globale. Apparentemente, l'Azerbaigian, essendo impegnato in ostilità, potrebbe fornire un terreno fertile per quei terroristi che hanno perso terreno in Siria e Iraq e ora sono alla ricerca di nuovi territori per avviare le loro operazioni. Geograficamente, l'Azerbaigian potrebbe diventare una base perfetta per loro di penetrare in tutte e quattro le direzioni verso sud, nord, est e ovest.

Da «Aiutare i siriani che soffrono è per noi un dovere morale»

Intervista di Maurizio Caprara, Corriere.it, 24 novembre 2019

  • Assistere i rifugiati siriani per noi è una sorta di missione morale.
  • Ai tempi dell'Impero Ottomano il popolo siriano salvò tanti armeni dalle forze militari imperiali. Perciò in questi tempi nei quali i siriani soffrono noi non potremmo stare in disparte.
  • Più di un secolo dopo il genocidio la Turchia è percepita ancora dagli armeni come possibile minaccia per la nostra sicurezza. E da circa trenta anni il nostro confine è chiuso dalla parte turca, non dalla nostra. Dal lato armeno è aperto.
  • Abbiamo un conflitto e andrebbe risolto. Quando diventai premier proposi una formula. Dissi che ogni soluzione doveva essere accettata dal popolo dell'Armenia, dal popolo del Nagorno-Karabakh e dal popolo dell'Azerbaijan. Sono stato l'unico leader armeno a pronunciarsi così. Ho avuto pesanti critiche nel mio Paese. Molti hanno detto: perché il leader armeno dovrebbe prendersi cura del popolo dell'Azerbaijan?

Da L'appassionato messaggio alla nazione armena del premier Pashinyan

Discorso sulla guerra nell'Artsakh del 2020, Karabakh.it, 14 ottobre 2020

  • Mentre cercavamo di affermare chiaramente che la soluzione della questione senza definire lo status di Artsakh era impossibile, l'Azerbaigian ha rinunciato a qualsiasi discussione seria sullo status, affermando infatti che l'unico status che Artsakh poteva avere era l'autonomia all'interno dell'Azerbaigian, che di fatto aveva lo scopo di costruire un quadro istituzionale che avrebbe aperto la strada alla pulizia etnica nell'Artsakh. Allo stesso tempo, l'Azerbaigian stava sviluppando la retorica militare e la propaganda anti-armena.
  • L'esercito azero non è in realtà in grado di risolvere la questione del Karabakh con mezzi militari. Questo fatto è stato scioccante non solo per l'Azerbaigian, ma anche per altri Paesi, in particolare per la Turchia.
  • Un gran numero di truppe e attrezzature militari turche è stato trasferito in Azerbaigian. Le esercitazioni hanno testimoniato ancora una volta che le forze armate dell'Azerbaigian non erano in grado di svolgere compiti specifici nell'immediato futuro e la Turchia ha deciso che spetta a lei occuparsi della questione del Karabakh.
  • Abbiamo registrato una strana circostanza: un certo numero di Paesi, in grado di adottare misure di deterrenza strategica, non è riuscito a valutare adeguatamente la minaccia. Hanno continuato a considerare la questione nel contesto del conflitto del Karabakh, considerando che la formula "territori per la pace" potrebbe salvare la situazione. Questa formula inaccettabile è simile all'accordo di Monaco del 1938, quando le potenze europee avrebbero ceduto la Cecoslovacchia alla Germania per amore della pace. Sappiamo tutti cosa è successo dopo. Ora la domanda è se il mondo permetterà l'emergere di un nuovo Hitler in Asia Minore.
  • Ogni goccia di sangue armeno fa male a tutti noi, per non parlare dell'enorme numero di vittime che abbiamo già al momento. Al fine di prevenire ulteriori perdite, abbiamo aderito al processo avviato e la dichiarazione adottata a Mosca venerdì scorso, che prevedeva un cessate il fuoco umanitario. [...] Tuttavia, l'Azerbaigian non ha aderito all'accordo di cessate il fuoco per un secondo e ha portato avanti gli attacchi, ostacolando contemporaneamente l'istituzione di un meccanismo di monitoraggio del cessate il fuoco.
  • Piango i nostri coraggiosi martiri che sono caduti difendendo la Patria, proteggendo il diritto del nostro popolo a vivere, salvaguardando l'identità, la dignità e il futuro dell'Armenia. E mi inchino a tutte le nostre vittime, martiri, alle loro famiglie, ai loro genitori e specialmente alle loro madri, e considero la loro perdita la mia perdita, la mia perdita personale, la perdita della mia famiglia.
  • Le anime, lo spirito e la forza degli altri nostri grandi martiri ed eroi, Re Artash, Tigran il Grande, Ashot Yerkat, Aram Manukyan, Hovhannes Baghramyan, Monte Melkonyan, Vazgen Sargsyan, sono con noi oggi. Oggi gli armeni sono uniti più che mai. Centinaia di migliaia di armeni stanno fornendo sostegno finanziario, economico, mediatico e politico all'Armenia e all'Artsakh.

Da Nagorno-Karabakh, il premier armeno: «Se non li fermate i turchi arriveranno a Vienna»

Intervista di Marta Serafini sulla guerra nell'Artsakh del 2020, Corriere.it, 20 ottobre 2020

  • La Turchia porta avanti nel Caucaso meridionale la stessa strategia adottata nel Mediterraneo contro la Grecia e Cipro, o in Libia, o in Siria, o in Iraq. È una politica espansionistica. Durante i negoziati sul cessate il fuoco, il presidente turco Erdogan ha dichiarato di non volere che l’Azerbaigian interrompesse i combattimenti. Questo conflitto non sarebbe iniziato senza l’intervento della Turchia.
  • I turchi vogliono un altro genocidio del popolo armeno. Mi chiedo e chiedo alla comunità internazionale: che tipo di tregua possiamo siglare noi con questi terroristi? Noi stiamo subendo un attacco, ci dobbiamo difendere come ogni nazione minacciata di sterminio
  • C’è solo un modo per mettere fine alle ostilità ed è quello del riconoscimento internazionale del principio di “secessione riparatrice” dell’Artsakh. Non c’è altra possibilità. Altrimenti gli armeni subiranno la pulizia etnica nelle aree controllate dall’Azerbaigian e questo perché gli armeni sono l’ultima barriera nella corsa dei turchi verso Nord, Est e Sud.

NoteModifica

Altri progettiModifica