Narciso (mitologia)

personaggio della mitologia greca
Michelangelo Merisi da Caravaggio: Narciso (1594-1596). Roma, Galleria nazionale d'arte antica.

Citazioni su Narciso.

  • Narciso fece la conoscenza di se stesso, ma non conobbe se stesso. «Conosci te stesso» stava scritto sul tempio di Apollo a Delfi: Narciso, come altri prima e dopo di lui, fallì di fronte a questo compito, il più difficile di tutti; cercò se stesso nel riflesso della sua propria immagine. La parola «conoscere» ha un significato duplice; Narciso si abbandona a un'avventura erotica, come Faust a un'avventura spirituale. (Ernst Jünger)
  • Non bisogna prestare un ascolto troppo compiacente a quella coscienza che prendo di me come di un essere unico e inimitabile, poiché risveglia sempre l'amor proprio che cerca di assorbire tutto e tutto volge a proprio vantaggio. L'atto più profondo che ogni essere possa compiere è un atto libero e generoso rispetto a questa stessa coscienza che ha di sé, ma che sempre supera, e dalla quale mai si lascia asservire. Narciso invece ne è rimasto schiavo. (Louis Lavelle)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica