My Dress-Up Darling

manga scritto e disegnato da Shin'ichi Fukuda

My Dress-Up Darling

Serie TV anime

Immagine Sono Bisuku Dōru wa Koi wo Suru Logo.png.
Titolo originale

その着せ替え人形は恋をする
Sono Bisque Doll wa koi o suru

Paese Giappone
Anno

2022

Genere commedia romantica
Regia Keisuke Shinohara
Soggetto Shin'ichi Fukuda
Sceneggiatura Yoriko Tomita
Doppiatori originali
Note
  • Serie trasmessa, con sottotitoli in italiano, su Crunchyroll

My Dress-Up Darling, manga del 2018 di Shin'ichi Fukuda, trasposto nel 2022 in una serie anime.

Citazioni tratte dalla serieModifica

Episodio 1, Una persona che vive in un mondo opposto al mioModifica

  • [Wakana Gojo da bambino alla prima visione delle bambole hina]
    Kaoru: Splendide, vero? Sono stati il tuo vecchio nonnino e i suoi amici a realizzare queste bambole hina. Non è fantastico?
    Wakana: Sì, è pazzesco... sono così belle. È la cosa più bella al mondo...
    Kaoru: Con un po' di pratica, anche tu diventerai bravo come il tuo nonnino.
  • [Osservando Marin Kitagawa in classe] È la prima volta che le parlo. Kitagawa. È super allegra, ha un sacco di amici ed è sempre al centro dell'attenzione. Vive in un mondo completamente diverso dal mio. Proprio qui in questa classe... C'è una persona che vive in un mondo opposto al mio. Vive in un mondo dove è accettata per quello che è. Dev'essere... un mondo molto bello in cui stare. (Wakana Gojo)
  • Marin: Gojo, ti stanno sfruttando?
    Wakana: Credo di sì.
    Marin: E glielo lasci fare? non ti pesa!?
    Wakana: Un po' si...
    Marin: Certo che si! Non gliel'hai mai detto?
    Wakana: No... ma mi hanno detto che sono affidabile, così ho pensato che mi stava bene.
    Marin: Quello non è essere affidabile. Ti stanno solo sfruttando. Non dovresti accettare di fare cose che non hai voglia di fare. Non decisamente no. Dovresti pensare di più a te stesso. Devi esprimere quello che senti, per il tuo bene.
  • Gojo! Mi creeresti un costume per il cosplay? Se non te la senti... basta dirmelo! Ecco... io non posso fare molto altro da sola, ma Shizuku è veramente molto importante per me... È talmente importante per me che voglio diventare lei a qualsiasi costo! Ti prego Gojo! (Marin Kitagawa)

Episodio 2, Vuoi sbrigarti a farlo?Modifica

  • E comunque... Se una cosa ti piace un sacco, che importa se sei un maschio o una femmina? (Marin Kitagawa)
  • Marin [misurandosi la distanza tra i seni]: Diciamo una ventina di centimetri.
    Wakana [pensa]: 20 centimetri... è solo un numero, ma non riesco più a pensare a nulla.
  • Non mi sopporto più. Continuo ad agitarmi e ad andare nel panico. Sono proprio uno sfigato. Vorrei... vorrei essere anch'io come Kitagawa. Lei non perde mai la testa, a differenza mia. (Wakana Gojo)

Episodio 3, Allora, perché non lo facciamo?Modifica

  • Wakana: Mi dispiace tantissimo, Kitagawa.
    Marin: Se poi finisci per scusarti, potevi anche evitare di scappare!
    Wakana: Kitagawa! Che ci fai qui?
    Marin: Sei perfettamente visibile. No Gojo, seramente! Sbaglio o mi hai evitata per utto il giorno? È veramente orribile. Se hai qualche problema con me, dimmelo e basta.
    Wakana: Ecco... La gente penserà che ci conosciamo bene. Quindi... Probabilmente è meglio che non ti faccia vedere con me in pubblico.
    Marin: Ma che dici? Guarda che siamo amici!
    Wakana: Però... ho anche sentito gente che ipotizzava che stessimo insieme...
    Marin: Davvero? [sorride maliziosa] Allora perché non lo facciamo?
  • Marin: Non hai detto nulla. Tu non le trovi una favola, Gojo?
    Wakana: Eh? Non è quello.
    Marin: Allora, che succede?
    Wakana: Beh... Spero di non annoiarti. Io sono figlio unico, quindi la prima volta che ho visto una bambola hina è stato a casa di mio nonno. Non riuscivo a toglierle gli occhi di dosso. Non pensavo che potesse esistere qualcosa di così bello al mondo. La trovavo splendida. È come se avesse conquistato il mio cuore. E poi, ho capito che la parola "bella" esisteva per descrivere cose come quella. Da allora, associo quel termine a cose che sono speciali per me... quindi non riesco a dire "carina" o "bella" a meno che non lo senta fino al midollo.
    Marin: Ma, come dire, le bambole hina, sono dipinte apposta per essere stupende, no? Gojo, sei proprio il tipo a cui piacciono i volti.
    Wakana: Non intendevo in quel senso... mi dispiace. Per me non è facile esprimermi... Ma non è che voglia negare che quelle persone siano carine...
    Marin: Se è quello che pensi, rispetto pienamente la tua decisione. È importante avere dei principi con cui non si scende a compromessi. Ci sono delle cose su cui sono ferma anch'io.
  • Marin [dopo aver trascorso il pomeriggio insieme]: Davvero va bene così. Ero davvero... felicissima. Non succede spesso che qualcuno segua i miei consigli sui giochi. Molti la chiudono lì con un "Si, sembra divertente." Ad essere sincera, non mi aspettavo che avresti giocato a "Le ragazze della Slippery". Mi dispiace. Senza contare che hai disegnato il suo costume fin nei minimi dettagli. Sei decisamente più informato di me, quindi... beh sai: Volevo solo ringraziarti. Grazie di cuore, Gojo.

Episodio 4, Queste sono della tua ragazza?Modifica

  • Wakana [in un flashback]: Nonno. Non è difficilissimo fare bambole hina tutti i giorni? Non ti annoi mai?
    Kaoru: Beh, sì, è molto difficile. Avere una passione per qualcosa non vuol dire essere bravi a farla. Eppure... È proprio perché ami quel qualcosa che resisti quando il gioco si fa duro. Ogni volta che vedo i clienti felici, sono grato di aver scelto questo lavoro. Quando vuoi fare felice qualcuno, riesci a tirare avanti anche nei momenti di difficoltà.
  • Wakana: Anch'io un giorno vorrei essere in grado di creare bambole uniche come quella. Mi dispiace! Non era il momento giusto per parlarne!
    Marin: Ci riuscirai. Se qualcuno può farlo, quello sei tu, Gojo. Ne sono certa.
    Wakana: Grazie mille! [Marin rimane incantata ad osservare per la prima volta il sorriso di Gojo]

Episodio 5, Forse perché è il corpetto migliore del mondo?Modifica

  • Quello è un uomo vestito da donna. In effetti c'erano un sacco di ragazze vestite da uomo e viceversa nella zona sottostante. Capisco... Fanno il cosplay dei loro personaggi preferiti. È per questo che si sentono liberi di spassarsela. È proprio bello. Sono contento che Kitagawa sembri divertirsi a sua volta, e io sono riuscito a mantenere la promessa. Giusto... Ho mantenuto la promessa. Quindi immagino che questa sarà l'ultima volta che uscirò con Kitagawa. Kitagawa... non ho amici e sono sempre stato da solo, quindi non ho mai parlato con una come lei. Uscire con un'amica dopo scuola, vedersi nei giorni di vacanza, passare del tempo in compagnia... è stata la prima volta che ho fatto tutto questo. Quasi non sembra reale. Mi sono divertito un sacco. (Wakana Gojo)
  • Wakana: Kitagawa... eri davvero bellissima! [In dormiveglia nel treno]
    Marin: Ehhh... [Ripensando alle parole di Wakana riguardo al termine "bella" rimane spiazzata e arrossisce]

Episodio 6, For Real?!Modifica

  • Porca vacca... porca vacca! Mi sono presa una cotta pazzesca per Gojo! [...] È davvero adorabile! Accidenti! Quanto mi piace Gojo! Ah, certo che è faticoso. Tipo che devo fare ora!? Non ce la faccio proprio! (Marin Kitagawa)
  • Marin: La grandissima Juju nei panni di Black Lily? Potrei morire! Anzi, ucciderei per vederlo!
    Wakana: A te piace molto Shion, Kitagawa. Ce l'hai persino attaccata alla borsa.
    Juju: Se ti piace così tanto perché non ne fai il cosplay?
    Marin: Nah, non lo farò. Oltre a essere piuttosto alta, non ho proprio il suo fisico minuto e delicato, no? Per carità è giustissimo fare il cosplay dei personaggi che ami ignorando queste cose, però nel mio caso, lei mi piace così tanto che non vorrei deformarne l'immagine. Se devo proprio fare un cosplay, voglio assomigliare più possibile al personaggio! E poi, se parliamo di Blaze, sceglierei senza dubbio Neon!
    Juju [pensando]: Che diavolo! Lei è il tipo di cosplayer che adoro! Non sapevo nulla di lei e ho dato per scontato che non fosse una cosplayer seria. Non è affatto una tizia insopportabile! [scoppia a piangere] Mi dispiace! Perdonami!

Episodio 7, Niente di meglio che un appuntamento a casa con il tipo che lovvoModifica

  • Kaoru [controllando la testa di una bambola]: Wakana... Sei migliorato parecchio!
    Wakana: Davvero?
    Kaoru: Ma certo. Avevi un tratto molto rigido... ma ora si è ammorbidito un po'.
    Wakana: Lo pensi davvero? Io non riesco a capirlo.
    Kaoru: Penso che ti abbia fatto bene cucire quel costume per Marin. L'hai truccata tu, vero?
    Wakana: Sì.
    Kaoru: Sono certo che tu sia stato attento e meticoloso. Sarai stato bello concentrato come quando dipingi il volto delle bambole. Se vuoi diventare un grande produttore non puoi fissarti solo sulle bambole. Devi osservare quante più cose possibili. Un giorno tutto questo ti ripagherà.
  • Niente di meglio che un home date con il tipo che lovvo. Cosa si può volere di più? Vorrei che questo momento non finisse mai... (Marin Kitagawa)

Episodio 8, Consiglio di provare la retroilluminazioneModifica

  • Shinju-chan! Devi volere un gran bene a tua sorella! (Marin Kitagawa)
  • Wakana: Inui, perché hai chiesto proprio a me di creare un costume così importante? Ci sono tante altre persone che potevano farlo. Potevi chiedere a chiunque altro. Perché hai scelto me?
    Juju: Quando ho visto le foto di Marin Kitagawa... mi ha fatto invidia. So bene che è patetico, ma... ero così invidiosa che non sapevo più cosa fare. Ho pensato "voglio indossare anch'io un costume realizzato da questa persona". Dovevi essere tu. Hai ragione, c'è molta gente che crea costumi per il cosplay, ma... mi dispiace. Non so spiegarmi chiaramente, non è un pensiero logico, penso che il modo migliore per descriverlo è che mi sono innamorata a prima vista del costume che avevi creato. A essere sincera, la mia invidia mi stupisce un po' ma è un sentimento che provi per le cose che contano.
    Wakana [dopo un flashback, scoppia in lacrime]: Finalmente ho capito... quanto fosse felice mio nonno quel giorno! Non sarei mai riuscito a immaginarlo.
  • Wakana [osservando l'oceano]: È molto carino, qui. È bello.
    Marin: Allora... andremo in un sacco di posti diversi, insieme! Fra poco iniziano le vancanze estive, no? Ti proporrò di andare ovunque! Voglio andarci... da sola con te!

Episodio 9, Sono successe parecchie cose dopo che ho visto quella fotoModifica

  • Sentirsi utili dà proprio una bella sensazione. (Marin Kitagawa)
  • Shinju: In realtà sì, mi piacerebbe provare... c'è un personaggio che adoro, e mi piacerebbe provare a... come ha detto Marin, ero un po' invidiosa dei cosplay di mia sorella. Ma... non posso farlo! Io non sarò mai attraente come quel personaggio. Non sono carina come mia sorella. Non sono magra, e quel personaggio è completamente diverso da me. È per questo che non posso... sembrerei proprio strana. Meglio non provarci neanche. E se finissi per fare un cosplay strano, e mia sorella si irritasse... non saprei cosa fare se lei mi odiasse! Ho troppa paura.
    Wakana: Poco tempo fa ho visto per la prima volta molti cosplayer vestirsi e divertisi e ho pensato che poter diventare chiunque tu voglia fosse la parte più bella del cosplay. Per cui, se hai anche solo un briciolo di voglia di tentare, dovresti assolutamente farlo! Ti aiuterò io. Inoltre sono piuttosto certo che tua sorella non ti giudicherebbe mai, Inui.
  • C'è una persona che ammiro molto nella mia classe. È come un raggio di sole, tutti la adorano. È incredibilmente forte e riesce a dire quel che pensa. Pensavo che lei non avesse problemi, a differenza mia. Ma poi, sono successe un sacco di cose, e mi sono trovato a passare parecchio tempo con lei, così ho capito... Vale anche per lei, ci sono cose che vorrebbe fare ma non le riescono... e non sempre va tutto come vorrebbe. A volte fa casino. Prova le stesse cose che provo io... era così felice... sa essere davvero tenera a volte. (Wakana Gojo)
  • Anche se da fuori non si vede, abbiamo tutti le nostre preoccupazioni. (Wakana Gojo)

Episodio 10, Abbiamo tutti le nostre preoccupazioniModifica

  • Juju: Sono un fallimento come sorella.
    Wakana: Non sei tu il problema, Inui. È solo che... a volte può essere terrificante dire agli altri cosa ti piace o cosa vuoi fare. Serve molto coraggio. La capisco molto bene.
    Juju: Hai preso un mio tesoro... e l'hai trattato con tanta, tantissima cura e attenzione. Sei davvero... Meraviglioso.

Episodio 11, Mi trovo in un motelModifica

  • Gli "Slice of life" danno una sensazione di calore, quindi di solito li leggo prima di andare a dormire. (Marin Kitagawa)
  • I cosplayer riflettono un sacco sui costumi e li interpretano a modo loro, così alla fine sono del tutto diversi. Ma è parte della loro bellezza! Quel tipo di libertà fa parte del divertimento nel fare cosplay. Quindi questo costume è la tua interpretazione e va bene così, Gojo. Senza contare che i tuoi costumi sono fatti talmente bene che non si può sbalgiare. I tuoi costumi sono i migliori in assoluto! (Marin Kitagawa)
  • Mi... Mi sto divertendo tantissimo! Prepararsi, indossare il costume, fare foto e riguardarle insieme... Ogni singolo momento... è uno spasso! Mi piace ogni singolo aspetto del cosplay! Mi sto divertendo tantissimo! (Marin Kitagawa)

Episodio 12, My Dress-Up DarlingModifica

  • Sai... adoro starmene seduta sulla spiaggia, ascoltare il rumore delle onde e guardare la superficie luminosa dell'oceano dove si riflette il sole. Quindi ci tengo ad andarci, anche se non so nuotare. (Marin Kitagawa)
  • [Durante i fuochi d'artificio] Sento l'odore della polvere da sparo e del fumo... La gente che festeggia... Vederli così da vicino... Il suono riecheggia in tutto il corpo. L'anno scorso, e l'anno prima, e anche quello precedente... Tutti gli anni ero da solo nella mia stanza... I fuochi d'artificio erano solo un suono forte e rimbombante che si sentiva in lontananza. Eppure, quest'anno... [si volta a guardare Marin] (Wakana Gojo)
  • [Al telefono... Gojo si è appena addormentato] Ne abbiamo combinate tante insieme... ed è stato molto divertente. Gojo... Ti amo!
    Il ragazzo è andato. Che parlo a fare? Mi metterò a dormire anch'io. Ciao Gojo. Buonanotte. Alla prossima. (Marin Kitagawa)

Altri progettiModifica