Apri il menu principale

Michele Zagaria (1958 – vivente), mafioso italiano.

Citazioni di Michele ZagariaModifica

  • Michele Zagaria: Sentite, io sono Michele Zagaria.
    Carlo Pascarella: Ah.
    Michele Zagaria: Eh. Allora sentimi bene. Io le sto telefonando perché, perché le voglio dire, no, che lei non è un giornalista serio.
    Carlo Pascarella: Sì ma scusi un attimo ma lei è Michele Zagaria chi?
    Michele Zagaria: E lo sai bene, chi scrivi sul giornale no? Che sta in guerra con Antonio Iovine.
    Carlo Pascarella: Ma è... ma scusi ma è uno scherzo questo?
    Michele Zagaria: No, no. Non è uno scherzo, sono io, personalmente. Io così le faccio le cose perché io sono una persona seria e lei no. Aspetta un attimo, ti passo pure Antonio Iovine. Va bene? E così ti togli questo pensiero di scrivere sempre stronzate, stronzate... Secondo me un professionista serio. no? Tutte queste stronzate non le scrive. È chiaro? Adesso te lo passo.
    Antonio Iovine: Pronto, sono Antonio Iovine. Senta noi non stiamo scherzando perché ci siamo stufati di fare tutte queste cretinate, no? Noi siamo delle famiglie che... ci rispettiamo da tanti anni. Allora se lei deve scrivere le notizie le scriva serie e scriva le verità. Allora voi fate il vostro mestiere... e noi vi rispettiamo per quello che fate. Purtroppo noi facciamo un altro mestiere e ce lo siamo scelto noi, no? È vero?
    Carlo Pascarella: Sì.
    Antonio Iovine: Allora, il mestiere che fate voi è quello di scrivere le notizie e siamo d'accordo, però scrivetele come si devono scrivere le notizie, no?
    Michele Zagaria: Stai facendo una confusione, no? Che la gente ha paura di salutare sia mio fratello che il fratello di Antonio. Allora qua non stiamo facendo nessuna minaccia e niente. Io sto parlando da persona seria come sta parlando Antonio. Per un professionista serio, secondo me non sei serio scrivendo tutte queste cose che non sono vere.
    Carlo Pascarella: Posso sapere una cosa?
    Michele Zagaria: Sì.
    Carlo Pascarella: Da dove state chiamando?
    Michele Zagaria: Noi? Dall'America.
    Carlo Pascarella: Eh, hai voglia...
    Michele Zagaria: È importante? È importante questo?
    Carlo Pascarella: È fondamentale.
    Michele Zagaria: Eh... ma per quale motivo?
    Carlo Pascarella: Mi occorre una prova per sapere che siete voi!
    Michele Zagaria: Sentimi bene, allora io domani ti mando mio fratello con il documento e il fratello di Antonio con il documento e vedi che vanno assieme e tutto questo problema si è chiarito. È chiaro o no? Mo io ti prego un altra cosa: domani mattina, domani mattina, ti raccomando di non scrivere quello che stiamo dicendo. Mi sono spiegato? Allora io ti ho telefonato solo per farti rendere conto che chi ti viene a dire queste stronzate sono stronzate sul vero senso della parola. Basta. Questo, non stiamo minacciando, non... niente. È chiaro questo? Va bene?
    Carlo Pascarella: Va bene.
    Michele Zagaria: Vuoi la conferma che ti mando mio fratello? O può bastare così?
    Carlo Pascarella: Per me basta anche così.
    Michele Zagaria: Ti ringrazio assai, assai.
    Carlo Pascarella: Ok.
    Michele Zagaria: Va bene? Da domani mattina non scrivere più queste stronzate. Io non dico che tu a me e Antonio non devi mettere sul giornale, però devi scrivere le serietà. È chiaro?
    Carlo Pascarella: Voi adesso siete liberi?
    Michele Zagaria: Perché tu non lo sai che io sono latitante?[1]
  • [Al momento dell'arresto] L'avete detto voi "ha vinto lo Stato"? Lo Stato vince sempre, lo so.[2] [3]

Citazioni su Michele ZagariaModifica

  • Ma senza appoggi dello Stato come potrebbe sopravvivere un'organizzazione criminale? Come potrebbe sfuggire alla cattura per 14 anni un Michele Zagaria, che ha la quinta elementare, ha faticato sempre sopra il camion e la pala meccanica? (Carmine Schiavone)

NoteModifica

  1. Dall'intercettazione telefonica del novembre 1998; visibile in "Pronto? Sono Michele Zagaria", Serviziopubblico.it, 5 maggio 2015.
  2. Citato in Dario Del Porto e Raffaele Sardo, Catturato Michele Zagaria dopo assedio a Casapesenna, Repubblica.it, 10 dicembre 2011.
  3. Dal documentario Mafia Bunker su History Channel. Video disponibile su YouTube.com.

Altri progettiModifica