Max Beerbohm

scrittore inglese

Sir Henry Maximilian Beerbohm (1872 – 1956), umorista britannico.

  • Molte donne non sono così giovani per come si sanno truccare.[1]
  • Il passato è un'opera d'arte, senza elementi incongrui né sbavature.[2]
Max Beerbohm

Zuleika DobsonModifica

IncipitModifica

Il vecchio campanello, presagio d'un treno, aveva appena finito di squillare nella stazione di Oxford.[3]

CitazioniModifica

  • Di tutti gli oggetti d'odio, una donna un tempo amata è il più odioso. (XIII)
  • L'invidia dello stupido per l'uomo brillante è sempre temperata dal sospetto che quest'ultimo farà una brutta fine. (IV)
  • Potresti scoprire che una donna che è realmente interessata ai cani è spesso una donna che ha fallito nel tentativo d'ispirare simpatia agli uomini.
You will find that the woman who is really kind to dogs is always one who has failed to inspire sympathy in men. (VI)

NoteModifica

  1. Da A Defense of Cosmetics, 1895.
  2. Da Mainly on the Air, 1946.
  3. Citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993.

Altri progettiModifica