Matteo Rovere

regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano

Matteo Rovere (1982 – vivente), regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e produttore televisivo italiano.

Citazioni di Matteo RovereModifica

  • Mai come ora abbiamo la sensazione che ciò che ci circonda non sia comprensibile e contenibile. Continuiamo ad ascrivere una serie di elementi al progresso scientifico e al controllo del creato, ma una visione più agnostica e meno deterministica solletica l’idea che gli esseri umani, nel passato come nel presente, vivono in un mondo di cui non comprendono tutto.[1]
  • Non so se noi autori e registi sapremo essere all’altezza della generazione che riuscì a contribuire alla ricostruzione culturale e identitaria dopo la seconda guerra mondiale. Quando arriva un trauma vero, come quello che stiamo vivendo [Pandemia di COVID-19] di distopia assoluta, gli intellettuali devono assumere il proprio ruolo, affrontare la complessità. Invece, vedo tanti salotti chiusi. Anche prima della pandemia.[2]
  • Oggi la sala fa paura, sia ai registi che ai produttori. Tutti se ne allontanano. Tutti vanno verso la tv e la serialità. Si accomodando su qualcosa che è più sicuro. Io da un lato posso capirlo, ma se ho voluto fare questo lavoro è perché amo il cinema ed è giusto dargli fiducia. Quindi difendo la sala e la specificità dello spettacolo..[3]

NoteModifica

  1. Citato in Paola Casella, Romulus, la serie raccontata da chi l'ha resa possibile, mymovies.it, 12 novembre 2020.
  2. Dall'intervista di Stefania Ulivi, Rovere: «Romulus, le origini di Roma in tv per capire il presente», corriere.it, 7 maggio 2020.
  3. Dall'intervista di Marco Cacioppo, primo Re, un atto di fede, esquire.com, 5 febbraio 2019.

FilmografiaModifica

ProduttoreModifica

Altri progettiModifica