Marietta Alboni

contralto italiano

Maria Anna Marzia Alboni, detta Marietta (1826 – 1894), contralto italiano.

Marietta Alboni

Citazioni su Marietta AlboniModifica

  • Marietta Alboni si unì in matrimonio col Conte Pepoli[1]. Per altra donna, a saziare le ambizioni della vita e del sesso, avrebbe bastato essere contessa; ma l'Alboni è nata artista, e non si spoglierà mai di quell'orrevolissimo[2] titolo, tanto più che per essa le spine sono un vano spavento, e le rose una cara realità. (Francesco Regli)

Antonio GhislanzoniModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Marietta Alboni, esordì sulle scene della Scala in Milano, nell'Assedio di Corinto poi nella Borgia e nella Linda di Donizetti. Dapprima ebbe voce di contralto, voce di timbro oltremodo aggradevole; poi si diede a cantare anche parti di mezzo soprano, e perdendo alquanto la sonorità delle note basse, acquistò maggior estensione nelle acute. Lasciò l'Italia ancor giovanissima, e recatasi in Spagna, quindi a Parigi e a Londra, in poco tempo eclissò le antiche celebrità e guadagnò tesori.
  • L'Alboni ottenne, al teatro dell'Opera in Parigi, paghe favolose, circa tremila franchi per rappresentazione. Nessun'altra cantante può rivaleggiare con lei per facilità di vocalizzo, nelle fioriture dell'antica scuola. La sua voce conserva tuttora una freschezza, una soavità invidiabile, sebbene abbia molto perduto dell'antica potenza. Non è attrice da sbracciate; ella cerca esprimere colla fisionomia più che col gesto, e spesso colla sola dolcezza del canto riesce a commuovere.
  • L'Alboni ha accumulato tesori, e possiede a Parigi, ai Champs Elisées, un palazzo principesco.

NoteModifica

  1. Achille Pepoli, cugino del poeta e politico Carlo.
  2. Da orrevole, var. arcaica di onorevole.

Altri progettiModifica