Luca Sabatelli

costumista e scenografo italiano

Luca Sabatelli (1936 – vivente), costumista e scenografo italiano.

Citazioni di Luca SabatelliModifica

  • [Su Maria Grazia Buccella] Bella, sexy e "stupida" come tutti la volevano, pubblico e produttori, nel film Basta guardarla del 1971 di Luciano Salce, dette una prova molto ironica del suo personaggio. Interpretava una "brutta" ragazza di campagna che diventa una bellissima soubrette di avanspettacolo. Fu straordinaria.[1]
  • [Su Nadja Tiller] Famosa in Europa dopo La ragazza Rosemarie, naturalmente elegante, nel film Quando imparai ad amare le donne era una ricca signora borghese che seduceva un ragazzo. La vestii con abiti molto fatali: un tailleur di serpente ed un pigiama di piume di gallo nero.[2]
  • [Su Luisa De Santis] Figlia del famoso regista. A Roma si direbbe di lei una bella "Sciumachella" una giovanissima antesignana di molte ragazze di oggi. Con Gabriella Ferri formano negli anni 60 un duo di grande successo cantando canzoni popolari romane.[3]
  • [Su Elsa Martinelli] Prima fotomodella poi attrice internazionale, Elsa non somigliava a nessuno. Un viso disegnato, un corpo longilineo elegante naturalmente ma anche trasgressiva. L'ideale per chi dovesse vestirla.[4]
  • [Su Zarah Leander] Non avrei mai pensato che un giorno avrei incontrato nel mio lavoro questo mito. Era l'attrice preferita da Hitler. Nel film Quando imparai ad amare le donne interpretava l'imponente nonna di Romina Power. Una nonna molto "voyant".[5]
  • [Su Bernadette Lafont] Una brava attrice francese, compagna di Ugo Tognazzi in Permette signorina che ami vostra viglia? dove interpretava Claretta Petacci. I suoi costumi ironizzavano la scena teatrale della compagnia dei "guitti".[6]

NoteModifica

  1. Citato in [1], lucasabatelli.it.
  2. Citato in [2], lucasabatelli.it.
  3. Citato in [3], lucasabatelli.it.
  4. Citato in [4], lucasabatelli.it.
  5. Citato in [5], lucasabatelli.it.
  6. Citato in [6], lucasabatelli.it.

Altri progettiModifica