Lettura ad alta voce

processo cognitivo nel quale la decodifica della scrittura si accompagna alla declamazione o alla pronuncia sincrona del testo a voce alta
Lettura ad alta voce in una stampa ottocentesca

Citazioni sulla lettura ad alta voce.

  • Dirò due parole sulla tradizionale arte del leggere quale si pratica anche oggi nei conventi, nella lettura ad alta voce che i frati fanno a turno, durante i pasti consumati in comune. Essa si fonda su un principio di rispetto verso l'intelligenza altrui, [...] si cerca di raggiungere la maggiore chiarezza, evitando ogni influsso d'interpretazione da parte del lettore sull'ascoltatore. Perciò, lettura spaziale e non lettura espressiva. Il tono della voce si mantiene monotono, senza venature di sentimento o di passione; anzi, con un certo freddo distacco dalla materia verbale. Le pause, di varia lunghezza, tendono unicamente a rendere intellegibile, fino alle sfumature più sfuggevoli, il nesso logico del periodo. (Ridolfo Mazzucconi)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica