Laura Biagiotti

stilista italiana

Laura Biagiotti (1943 – 2017), stilista italiana.

Laura Biagiotti (2011)

Citazioni di Laura BiagiottiModifica

  • Il patrimonio italiano è fatto di idee, è un tesoro che ci è stato lasciato come testamento spirituale. Mi piace pensare che nel mio mondo effimero ci sia questa origine e uno studio così profondo. A Londra sono in mostra anche abiti disegnati da Balla e, le assicuro, sono come un Prozac artistico.[1]
  • La dinamicità è l'aspetto che maggiormente mi piace riproporre. Del Balla decorativo ho amato riprendere le trovate cromatiche e le linee rigide e fluide allo stesso tempo, che trasmettono l'idea di velocità, dello spazio-tempo, dei movimenti plastici, di tutte quelle attitudini che si sono rivelate poi così basilari nella civiltà contemporanea. Balla, con il manifesto del 1915, voleva intraprendere la "ricostruzione futurista" dell'universo, di cui anche la moda era parte integrante, anticipando per molti aspetti l'atteggiamento pop dell'arte americana e le istanze filosofiche dell'arte concettuale.[2]
  • Tutti i risultati raggiunti dalle donne, in generale, sono stati molto sofferti. Le ricercatrici, come tutte le donne che hanno un impegno di carattere intellettuale, percorrono una strada, in salita, ma è importante affrontare le difficoltà non sentendosi mai un uomo di serie B, valorizzando i nostri talenti assolutamente originali.[2]

Citazioni su Laura BiagiottiModifica

  • Era davvero illuminata, una donna fatta di luce, non a caso il suo soprannome era L'Aura perchè aveva un'aura speciale, si è fatta strada in un mondo maschile, facendosi rispettare senza snaturarsi. Era di larghe vedute ma ben piantata a terra e poi molto legata alla famiglia, un grande esempio. (Serena Rossi)

NoteModifica

  1. Dall'intervista di Mariangela Mianiti del marzo 2017, citato in Laura Biagiotti, Quella voce un po' materna e un po' da bambina, vanityfair.it, 26 maggio 2017.
  2. a b Dall'intervista di Laura Cardinale, Biagiotti: regina del cashmere... e del bio, Almanacco della scienza nº 11, 18 novembre 2015.

Altri progettiModifica