L'apparizione (film)

film del 2018 diretto da Xavier Giannoli

L'apparizione

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

L'Apparition

Paese Francia
Anno 2018
Genere drammatico
Regia Xavier Giannoli
Sceneggiatura Xavier Giannoli, Jacques Fieschi, Marcia Romano
Produttore Olivier Delbosc
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'apparizione, film del 2018 con Vincent Lindon e Galatéa Bellugi, regia di Xavier Giannoli.

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Anna: Io so che rimarrò vergine. L'ho sempre saputo. È questo che ha dato un senso alla mia vita. Io amo solo Dio.
    Jacques: E non le importa di... di non sapere com'è fare l'amore con un ragazzo, o una ragazza? Non la fa soffrire?
    Anna: È una sofferenza così bella... davvero molto bella.
  • De Villeneuve: Ma cosa si aspettava, scusi, una prova? Una prova di cosa? Se avesse una prova, non avrebbe più scelta, Jacques. Non ci sarebbe più mistero. La fede è una scelta libera e chiara. Se si decide di credere al grande mistero, non si ha più bisogno di prove, di reliquie, di gruppi sanguigni.
    Jacques: Sì, infatti non c'è più nessun mistero. Ci hanno mentito fin dall'inizio. È un'enorme menzogna fatta di tessuti industriali. Non c'entra proprio niente con la fede.

Citazioni su L'apparizioneModifica

  • Questo ruolo mi ha cambiato la vita, e non solo come attrice. Quando Giannoli mi ha proposto la parte sono rimasta perplessa. Come potevo io, cresciuta in modo totalmente laico, che sapevo fare a malapena il segno della croce e consideravo quelle apparizioni come leggende fantasy, interpretare una quasi santa? [...] Ha capito i miei timori e mi ha spedita in convento. Un monastero benedettino vicino al set, per settimane ho vissuto lì, ho indossato il saio della novizia, ho mangiato con le suore, ho pregato con loro sei volte al giorno. Ho assaporato il piacere e l'inquietudine del silenzio. Ho imparato a ascoltare, mi sono documentata sui santi e sui falsari della fede. Cosa vedono quelli che credono? La domanda che mi ossessionava. Non mi ero mai posta prima interrogativi del genere. Da quelle mura sono uscita con più domande di prima. (Galatéa Bellugi)
  • Tutta l'idea del film è che non importa se credi o meno a questi fenomeni: non c'è bisogno di reliquie o di prove, credere o meno è una scelta, è un campo libero, in cui ognuno prende ciò di cui ha bisogno. (Xavier Giannoli)

Altri progettiModifica