Apri il menu principale

L'alba dei morti dementi

film del 2004 diretto da Edgar Wright

L'alba dei morti dementi

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Shaun of the Dead

Lingua originale inglese
Paese Regno Unito, Francia
Anno 2004
Genere commedia, horror
Regia Edgar Wright
Soggetto Edgar Wright, Simon Pegg
Sceneggiatura Edgar Wright, Simon Pegg
Produttore Nira Park
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'alba dei morti dementi, film britannico del 2004 con Simon Pegg e Nick Frost, regia di Edgar Wright.

IncipitModifica

Liz: Shaun?
Shaun: Sì?
Liz: Ma mi ascolti?
Shaun: Sì, certo.
Liz: Lo so che è il tuo migliore amico, ma tu ci vivi!
Shaun: Lo so?
Liz: Non è che non mi piaccia Ed. Ed, non è che tu non mi piaccia...
Ed [distratto a giocare con la slot machine]: E allora?
Liz: Sarebbe carino se noi due... [mentre parla Ed continua a dire parolacce durante il gioco] Potessimo stare insieme di più, solamente noi due. Dato che con te c'è Ed io esco sempre con i miei coinquilini e questo non fa che esacerbare le cose...
Shaun: Che vuoi dire?
Liz: Che tu e lui siete inseparabili.
Shaun: No, che vuol dire "esacerbare"?
Liz: Ah, vuol dire peggiorare le cose.

FrasiModifica

  • Okay ragazzi, chi vuole bere un cazzo di qualcosa? ...Nessuno? (Ed)
  • Shaun, quello che sto dicendo è che voglio di più, basta passare le serate qui al Winchester, io voglio andare fuori da qui, avere altri interessi, voglio vivere un po' e voglio che anche tu lo desideri... Oh, ma cosa dico, comincio a parlare come tua madre. Anche se non so come parla lei. (Liz)
  • Lo sai che la porta di casa era ancora aperta, stanotte? (Pete)
  • Ti dico un'altra cosa, e sai che cosa? Ti dico che il mare è pieno di pesci e non balle tipo "se l'ami lasciala perdere", non ti voglio bombardare con frasi fatte, ma voglio soltanto dirti questo: "tsk, è la fine del mondo"? (Ed)
  • Oh mio dio... È proprio ubriaca! (Shaun) [sulla zombie nel loro giardino]
  • Io chiudo bene la porta! (Shaun) [dopo aver eliminato uno zombie senza braccio che era entrato in casa]
  • Bisogna tagliargli la testa oppure distruggergli il cervello. (Jeremy Thompson)
  • Non m'importa di quello che dicono, dobbiamo assolutamente andarcene altrimenti quelli entrano e ci fanno a pezzi, e questo finirebbe per esacerbare davvero le cose! (Shaun)
  • Come stai, pasticcio? Oh, sei sporco di rosso! (Barbara) [rivolta a Shaun, sporco di sangue]
  • Guardate bene come fa a muoversi, va bene? È importante! Sembra un sonnambulo, osservate la faccia: occhio vacuo con un velo di tristezza, l'ubriaco che ha perso la scommessa. Okay, proviamo! (Dianne) [quando imparano a imitare gli zombie]
  • Avanti, fottuti bastardi schifosi, forza, andiamo da questa parte! Venite! Seguitemi! Guardate che meraviglia, sono il vostro buffet, potete mangiare tutto quello che volete!! (Shaun) [mentre distrae l'orda degli zombie]
  • È stata una stranissima giornata, non è vero? (Barbara) [ultime parole]
  • Sì, ho detto una cosa che non avrei mai immaginato di dire in trasmissione: "bisogna tagliare la testa oppure distruggere il cervello", incredibile! (Jeremy Thompson) [durante un'intervista]

DialoghiModifica

  • Pete: Non do a te la colpa.
    Shaun: Lo so, Pete.
    Pete: La do a Ed.
    Shaun: ...Giusto.
    Pete: Non si può vivere così, è... Intollerabile. Non siamo più studenti.
    Shaun: Pete...
    Pete: Lui non mette nemmeno i soldi per pagare l'affitto!
    Shaun: Ma guadagna poco!
    Pete: E come, spacciando droga?
    Shaun: Be', gli capita di vendere un po' di erba qualche volta, anche tu ne hai venduta!
    Pete: Sì, una volta... Al college. La tua.
    Shaun: Senti, io lo conosco dalle elementari e mi piace averlo attorno, mi diverte.
    Pete: Perché sa imitare un orango? È veramente spassoso, eh?
    Shaun: Oh, ma lascialo vivere!
  • Ed: Scusami, Shaun.
    Shaun: Va tutto bene.
    Ed: No, no... Scusami, Shaun...
    Shaun: Cosa? ...Oh!! [sente l'odore del peto di Ed] Oh mio dio che schifo! [ridono]
    Ed: E la smetto quando smetti di ridere!
    Shaun: La smetto subito, sto andando!
  • Shaun: Allora, siccome il signor Sloman oggi non può essere presente, dal momento che anche Ash non sta troppo bene purtroppo, dirigerò io le cose, sì, insomma, in qualità di...
    Noel: Più vecchio.
    Shaun: Dipendente con più anzianità. E sono sicuro che con un lavoro di squadra saremo in grado di... [a Noel squilla il cellulare]
    Noel [risponde]: Pronto? Ciao, come va?
    Shaun: Noel?
    Noel: Ero completamente partito ieri sera... Non ho più niente... [mentre parla, Shaun giocherella con la sua penna rossa, rompendola per sbaglio] D'accordo, amico, a più tardi, ciao. [mette giù] Continua.
    Shaun: Ehm, come dice il signor Sloman, senza lavoro di squadra il lavoro di una squadra non squadra... No, il lavoro di squadra non quadra, è un gioco di parole, "squadra", "quadra"... Ma lasciamo perdere, è meglio ecco... [i dipendenti si sparpagliano] Allora noi dovremo essere qui per lavorare...
    Noel: D'accordo, stai calmo, nonnetto.
    Shaun: Ma come "nonnetto", io ho ventinove anni se non ti spiace! Tu quanti ne hai, venti, ventuno?
    Noel: Diciassette.
    Shaun: Ah... Bene. So che non vuoi restare qui in eterno, ma anch'io so cosa fare della mia vita!
    Noel: Quando? [Shaun non sa rispondere] Sei sporco di rosso. [la penna rotta nel taschino]
  • Shaun: Phillip...
    Phillip: Shaun. Non è che ti sei dimenticato di domani?
    Shaun: No.
    Phillip: La tua visita mensile...
    Shaun: No, no, figurati.
    Phillip: E potresti portarle i fiori che non le hai portato per la Festa della Mamma.
    Shaun: Ci ho già pensato.
    Phillip: E non prendere uno squallido mazzolino di fiori a buon mercato!
    Shaun: Non ne ho intenzione!
    Phillip: ...Va bene, allora ci vediamo domani.
    Shaun: Okay.
    Phillip: Guarda che hai una macchia rossa.
  • Shaun: Liz, vorrei parlarne con calma, andiamo fuori...
    Liz: Dove, al Winchester?
    Shaun: Wow! ...Sul serio?
    Liz: No, ma vaffanculo!!!
    Shaun: Okay, okay!
    Liz: Non è l'unico posto al mondo, Shaun!
    Shaun: Be', va bene, possiamo andare da Shepherd, fanno cucina thailandese!
    Liz: Io esco con David e Dianne.
    Shaun: Andiamo tutti insieme!
    Liz: Tu assieme ai miei amici?! Tu con "un'attrice fallita" e "un cretino"?!
    Shaun: No, aspetta...
    Liz: Parole tue!
    Shaun: Che Dianne è un'attrice fallita non l'ho detto! E dai, andiamo a farci quattro risate, andrà tutto bene, te lo prometto!
    Liz: Hai promesso di smettere di fumare! Hai promesso che saresti tornato in palestra! Hai promesso di bere il vino al posto della birra!
    Shaun: Ma..!
    Liz: Hai promesso di venire in vacanza con me!
    Shaun: Siamo stati in Grecia, infatti!
    Liz: Ci siamo incontrati in Grecia!
    David: A un rave.
    Liz: Non è la stessa cosa! E hai promesso che cambiava tutto!
    Dianne: Hai promesso anche la TV via cavo.
    Shaun: A quella sto lavorando!
    Dianne: Okay.
    Shaun: Senti, posso smettere di fumare quando voglio, guarda, lo vedi? [getta via il suo pacchetto di sigarette] Non ne ho bisogno! ...Qual era quella dopo?
    Liz: Basta così, Shaun.
  • Ed: Non penserai ancora a lei? [dal jukebox parte "If You Leave Me Now"] Chi ha messo su questa canzone?
    Shaun [prima di scoppiare in lacrime]: Va in random!
    Ed: Ah, che sfiga... Per favore, John, portaci da bere!
  • Pete: Sono le 4 di una cazzo di mattina!
    Shaun: È sabato!
    Pete: Invece no, è una fottuta domenica, io vado al lavoro del cazzo fra quattro ore del cazzo e due fottuti stronzi nel mio appartamento del cazzo fanno un baccano fottuto!!! Adesso lo capisci perché sono così incazzato, cazzo?!
    Ed: Fottiti!
    Shaun: Woah, no no no! Senti, Pete, mi dispiace molto ma abbiamo bevuto qualche bicchiere... Oggi io e Liz ci siamo lasciati.
    Pete [si calma]: Fatemi dormire.
    Shaun: Sì. [Pete si allontana]
    Ed: Coglione...
    Pete [si ferma]: Hai detto?
    Ed: Niente.
    Shaun [Pete fa per attaccare Ed]: No! Fermo! Fermo! Siamo amici!
    Pete: Lui non è mio amico, è un idiota del cazzo!!
    Ed: Cosa vorresti dire?
    Pete: Voglio dire che vorrei sapere quando finalmente ti toglierai dai piedi! Tu vivi come un animale, vivi in una stalla!!
    Shaun: Adesso non insultarlo...
    Pete: E tu smettila di difenderlo, Shaun! Non capisci che è un peso per te?! Oppure aver vicino qualcuno che sia addirittura più perdente di te ti va?
    Shaun: Che cosa vorresti dire?
    Pete: Lo sai cosa voglio dire! E se finalmente Liz ti ha mollato, la capisco... Ti ha mollato alla tua fottuta vita del cazzo, amico!!!
    Ed [nota la mano medicata di Phil]: Cosa hai fatto alla mano?
    Pete: Sono stato aggredito mentre tornavo a casa.
    Ed: E chi è stato?
    Pete: Non so, drogati, uno mi ha morsicato.
    Ed: Perché ti ha morsicato?
    Pete: Non so, non gliel'ho chiesto mentre scappavo!! ...Dio, ho un gran mal di testa, e il vostro fottuto hip-hop non mi aiuta. E la cazzo di porta è ancora aperta!! [sbatte la porta d'ingresso e sale su]
    Ed: Non è hip-hop, è electro-prick... Quando lo rivedo è un uomo morto!
  • Shaun: Vuoi qualcosa dal negozio?
    Ed: Un Cornetto...
  • [Shaun guarda la TV cambiando casualmente il canale]
    Krishnan Guru-Murthy: Niente di ufficiale, ma alcuni gruppi religiosi lo hanno già chiamato "Il Giorno del Giudizio", c'è...
    Morrissey [cantando]: Panic on the streets of London...
    Annunciatrice: Un numero crescente di rapporti sulle...
    Cronista sportivo: Con queste continue aggressioni...
    Donna del notiziario: A persone che sono state...
    Narratrice di un documentario sulla fauna africana: Mangiate vive...
    Jeremy Thompson: I racconti dei testimoni sono imprecisi, ma tutti concordano nel dire che gli assalitori, in molti casi, sembrano essere assolutamente...
    Vernon Kaye: Eccitati dalla morte, e sembra che ci sia un incredibile...
    Jeremy Thompson: Legame ideologico tra le persone che commettono queste atrocità terribili che forse, inconsapevolmente, sembrano guidate da una specie di incomprensibile e irragionevole volontà di sterminio.
  • Ed: Allora, qual è il piano?
    Shaun: Ci sono. Prendiamo l'auto di Pete, andiamo da mia mamma, entriamo, sistemiamo Phillip...
    Shaun nella visione: Scusa, Phillip! [lui e Ed uccidono Phillip]
    Shaun: Portiamo via mia madre, andiamo a casa di Liz, ci sediamo, prendiamo un tè e aspettiamo che sia tutto finito.
    Ed: Perché andiamo da Liz?
    Shaun: Perché dobbiamo.
    Ed: Ma ti ha mollato!
    Shaun: Devo sapere se sta bene!
    Ed: Perché?
    Shaun: Ma perché io l'amo!
    Ed: Ah, be', allora... Ma lì non ci sto, eh!
    Shaun: Perché no?!
    Ed: Se devo barricarmi voglio un ambiente familiare, voglio sapere dov'è l'uscita e voglio poter fumare!
    Shaun: Okay... Prendiamo l'auto di Pete, andiamo da mia madre, entriamo, eliminiamo Phillip, prendiamo la mamma, andiamo da Liz, prendiamo anche lei, torniamo qui, prendiamo un tè e aspettiamo che sia tutto finito.
    Ed: Perfetto!
    Shaun: No, no, no no no, aspetta, non possiamo portarle qui!
    Ed: Perché?
    Shaun: Qui non mi sembra sicuro.
    Ed: Già... E che disordine!
    Shaun [riflette]: Un posto sicuro che sia familiare...
    Ed: Dove si può fumare. [dopo un po' entrambi si guardano, hanno la stessa idea]
    Shaun: Prendiamo la macchina, andiamo dalla mamma, uccidiamo Phil, prendiamo Liz, andiamo al Winchester, ci facciamo una bella pinta fredda e aspettiamo che finisca tutto! ...E allora, ti va bene questo piano?
    Ed: Eccome, ragazzo!!
  • Ed: Ci sono zombie fuori?
    Shaun: Non dire così!
    Ed: Cosa?
    Shaun: Così!
    Ed: Cosa?!
    Shaun: Così, la parola con la "Z"! Non dirla!
    Ed: Perché no?
    Shaun: Perché è una cosa ridicola!
    Ed: Oooh, e va bene! C'è "qualcuno" fuori?
    Shaun: Io non vedo nessuno... Forse sta andando bene! Ah no, ce ne sono.
  • Radio: Come dicevamo, i cadaveri appena ammazzati ritornano in vita e cominciano immediatamente ad attaccare i vivi...
    Ed: Sentiamo qualcos'altro, eh? [inserisce un'audiocassetta]
    Shaun: Ma che fai? Ed, attento!! [investono un uomo]
    Ed: ...Ho colpito qualcosa?
    Shaun: O qualcuno. [vanno in retromarcia per vedere come sta l'uomo, steso con le gambe spezzate] Tutto bene?
    Ed: Shaun, andiamo via...
    Shaun: Senta?
    Ed: Sarebbe morto comunque!
    Shaun: Non è questo il punto! [l'uomo investito si rivela essere uno zombie] Ah, grazie al cielo. [proseguono]
  • Phillip: Sarebbe possibile abbassare la musica?!
    Barbara: Se vuoi ti passo un altro fazzolettino!
    Phillip: Ah, se non fosse per questo baccano starei benissimo!
  • Shaun: Bene, allora, portate con voi qualcosa del genere, se vi vengono a tiro, colpiteli in testa, sembra che funzioni. Stiamo insieme, fate attenzione e seguitemi.
    Liz: Ma scusa, qual è il piano?
    Shaun: Si va al Winchester!
  • Phillip: Shaun?
    Shaun: Sì, siamo quasi arrivati!
    Phillip: Non è facile...
    Shaun: Cosa?
    Phillip: Essere padre non è facile...
    Shaun: Scusa?
    Phillip: Tu avevi dodici anni quando ti ho conosciuto... Tu eri già molto grande... Io volevo solo dirti che devi essere forte perché avevi perduto tuo padre.
    Shaun [commosso]: Phil, non devi dare spiegazioni...
    Phillip [ultime parole]: No, no, devo... Io ti ho voluto bene, sai, Shaun? Ho sempre pensato che in te c'era qualcosa di buono, sì... Avevi solo bisogno di motivazioni, di qualcuno che ti seguisse e... Avrei voluto essere io! E adesso... Pensa tu alla mamma. Sei un bravo ragazzo...
  • Barbara: Non possiamo lasciare qui tuo padre!
    Shaun: Non è mio padre!
    Barbara: Oh, Shaun!
    Shaun: Può anche esserlo stato, ma non lo è più!
    Barbara: Adesso basta, dobbiamo...
    Shaun: Mamma, mamma! [la trattiene] Mamma, ascoltami! Non c'è più niente di tuo marito in quella macchina, capisci? Lo so che sembra lui, ma a questo punto non c'è niente dell'uomo che hai amato, niente! [Phillip zombificato spegne la musica che lo infastidiva] ...È meglio andare!
  • Shaun: Ecco, ci siamo, il Winchester è lì davanti.
    David: Lì dove?
    Shaun: Lì davanti!
    David: Cioè davanti a una ventina di giardini con steccato?
    Shaun: Che problema c'è, David? Hai mai preso una scorciatoia?
  • Ed [gli squilla il cellulare]: Due secondi. [risponde e si siede casualmente] Ciao, Spaghetti!
    Spaghetti: Tutto bene, amico?
    Ed: Sì, ma non posso parlare, adesso.
    Spaghetti: Hai della roba?
    Ed: No, niente.
    Spaghetti: Niente?
    Ed: E no! Sono in un mezzo casino.
    Spaghetti: Pazzesco, eh?
    Ed: Sì, molto... [Shaun gli tira via il cellulare] Ehi! Ma che cosa fai?!
    Shaun: E hai anche il coraggio di chiedermelo, stupido deficiente?
    Ed: Ma vaffanculo!
    Shaun: No, vacci tu affanculo [fa a botte con Ed] brutto stronzo!!
    Ed: Ahio! Shaun!!
    Shaun: Io ho passato tutta la vita a tenerti fuori dai guai e tu non fai altro che complicare le cose, tu fai casino e lo stupido sono io! Ma non si può andare avanti così, adesso basta!!!
    Liz: Shaun..? [lui si gira]
    Shaun: Oh. [gli zombie li stanno fissando]
  • David: Comunque non sono io che ci ha messi nei guai litigando col suo amichetto!
    Shaun: Ed non è il mio "amichetto", David!
    Ed [porta una birra a Shaun]: Sarà un po' calda, il frigo è spento.
    Shaun: Grazie, baby! [fa l'occhiolino a Ed]
  • [durante la lotta contro il barista zombificato, il jukebox manda "Don't Stop Me Now"]
    Shaun: Ma chi l'ha messa questa canzone?!
    Ed: È a random!
  • Shaun: Come ha detto Bertrand Russell, l'unica cosa che riscatta il genere umano è la collaborazione! E so che adesso faremo nostre queste parole.
    Liz: Non erano su un sottobicchiere?
    Shaun: Sì, della Guinness doppio malto...
    Liz: Non dirò niente.
    Shaun: Grazie.
  • [segue una situazione in stallo quando David vuole fucilare Barbara prima che diventi zombie]
    Liz: Per favore, adesso smettetela, dobbiamo riflettere!
    Shaun: Allora cominci lui a mettere giù il fucile!!
    David: Lei si trasformerà, Lizzie, lo sai che ho ragione. E quando succederà ci ucciderà tutti, dal primo all'ultimo! È questo che voi due non riuscite a capire.
    Shaun [isterico]: No, io ho capito perché lui dice questo, lo dice soltanto perché io non gli piaccio, mi ha sempre odiato e adesso vuole sparare a mia mamma!!
    David: Ma è un'altra!
    Shaun: Tu non hai mai creduto che io fossi meglio di lei, non è vero?!
    David: Di cosa stai parlando?
    Shaun: Ah, piantala, lo sappiamo che sei innamorato di Liz!
    David: Questo non è vero!
    Shaun: Sì che è vero!
    David: No, non è vero!
    Dianne: Invece è vero.
    David: Cosa?!
    Dianne: Lo so benissimo che al college eri sempre con me solo per stare vicino a Liz! E quando lei ti ha rifiutato io ero lì a raccogliere i tuoi pezzi, ma ora questa storia deve finire, David! Lo capisci o no?
    David: Lizzie, voglio che tu sappia che i miei sentimenti per te sono sempre stati...
    Liz: David, c'è qualcosa di più importante e di più urgente, adesso!
    Shaun: Sì! Come il fatto che lui sta puntando un fucile contro mia mamma!!
    David: Qui non sono l'unico che ha perso la testa, "pasticcio"!
    Shaun: Ma non capisci che non è ancora morta?!
    David: Ma non può salvarsi! Come eroe sei abbastanza ipocrita!
    Shaun: Invece tu sei come un ragioniere che vuole essere Charlton Heston!!
    David: Ma cosa dici, non sono un ragioniere!
    Shaun: Eh, ma ne hai tutto l'aspetto!
    Ed: Già!
    David: Io sono un professore!
    Shaun: Tu sei un cretino!!
    Ed: Giààà!
    David: Ma lei non è più tua mamma! Tra poco sarà solo un altro zombie!
    Shaun: Non dire così!!!
    Ed: Non dire la parola con la "Z"!
    Liz: Per favore, adesso basta, mettete giù queste fottute armi! ...Allora, io capsico quello che David cerca di dire.
    David: Grazie, Lizzie.
    Liz: Anche se è rincoglionito.
    Dianne: Appunto!
    Liz: E tu, Shaun... Shaun, guardami! ...Non riesco neanche a pensare a quanto è difficile per te! Però non è possibile fare finta di niente! A-Ascoltami, piccolo mio! So che non lo vorresti sentire, ma... [Barbara, diventata zombie, si alza]
    David: Devi farlo. [passa a Shaun il fucile]
    Shaun: Scusa, mamma! [le punta il fucile addosso finché lo zombie di Barbara non sibila]
    David: Spara! [Shaun elimina Barbara] Bene... Immagino che converrete che non avevamo scelta. [Shaun sferra un pugno a David]
  • David: Basta, me ne vado!
    Liz: Cosa?!
    David: Io non ci resto qui!
    Liz: Che cosa fai, David? È un suicidio!
    Ed: Perché contraddirlo?
    David: Se andiamo fuori possiamo difenderci meglio!
    Dianne: Scusa, hai usato il plurale?
    David: Perché, ti sembra strano?
    Dianne: Io dico che aprire quella porta adesso sarebbe una cosa molto, ma molto stupida!
    David: E con lui sei al sicuro?!
    Dianne: Senti, Shaun...
    David: Dopo tutto quello che ha combinato?
    Dianne: STA' ZITTO, lasciami finire!!! Shaun non ci ha chiesto di venire qui, tu ci sei venuto per il mio stesso motivo, perché non sapevi che cos'altro fare, e allora esci da quella porta!
    David: Ma io..!
    Dianne: David!!!
    David: ...Scusami, Dianne.
    Dianne: Forse non sono io la persona a cui dovresti chiedere scusa!
    David: Shaun? [fa per parlare ma gli zombie irrompono nel locale e lo afferrano]
  • Ed: Ehi Shaun, guarda chi è arrivato! [Pete, divenuto zombie]
    Shaun: Oh cazzo, non ci credo! [Pete attacca Ed] Ed!! EEEd!
    Ed [lottando contro Pete]: Cosa cazzo finisci, stronzo? [Pete gli morde il braccio] No! No! Aaargh!!!
    Shaun: Nooo!!! Pete! Adesso smettila, lascialo vivere! [fucila Pete in testa]
  • Shaun: Ed, mi dispiace...
    Ed: Per che cosa?
    Shaun: Perché stavo per spararti prima, ma ero..!
    Ed: Figurati... Anche a me dispiace.
    Shaun: Tutto okay!
    Ed: No... Mi dispiace, Shaun...
    Shaun [odora il suo peto]: Oddio, che roba! È veramente terribile!
    Ed: Smetterò quando la pianterai di ridere...
    Shaun: Non sto ridendo... [si toccano le fronti e Shaun gli accende un'ultima sigaretta]
    Ed [gli zombie si stanno facendo strada per la cantina]: È meglio che andiate.
    Liz: Ciao, Ed. Ti voglio bene!
    Ed: Ciao...
    Shaun: Ti voglio bene, amico. [Liz attiva il montacarichi e salgono fuori]
    Ed [ultime parole]: Gay! [ride]

ExplicitModifica

Shaun: Allora, com'è il programma?
Liz: Allora, vediamo, una tazza di tè, e poi diamo un'occhiata al Sunday, facciamo un salto al nuovo Winchester con pranzetto vegetariano, poi torniamo a casa, guardiamo la TV e poi a letto.
Shaun: Perfetto!
Liz: Allora faccio il tè! [si alza per andare in cucina]
Shaun: Io vorrei due zollette, grazie.
Liz: Uhhh, avventato!
Shaun: E andrei un po' in giardino se non ti spiace.
Liz: Sì, vai pure.
Shaun: Giusto due secondi... [va nel capannone degli attrezzi dove Ed-zombie, incatenato, prova a morderlo] Ed, Ed! Ehi! [si mettono a giocare ai videogiochi] Così! [ride]

Altri progettiModifica

Trilogia del Cornetto
L'alba dei morti dementi · Hot Fuzz · La fine del mondo