Jurij Gagarin

cosmonauta e aviatore sovietico, primo uomo a volare nello Spazio

Jurij Alekseevič Gagarin (1934 – 1968), cosmonauta, aviatore e politico sovietico, primo uomo ad andare nello Spazio.

Jurij Gagarin in una conferenza stampa durante una visita in Finlandia.

Citazioni di Jurij GagarinModifica

  • Cari amici, conosciuti e sconosciuti, compatrioti e persone di tutti i paesi e continenti!
    In pochi minuti una potente astronave mi porterà nelle distanti distese dell'Universo. Cosa posso dirvi in questi ultimi minuti prima dell'inizio? Tutta la mia vita sembra essere condensata in un momento meraviglioso. Tutto ciò che ho sperimentato e fatto finora è stato in preparazione di questo momento. Ti rendi conto che è difficile esprimere come ci si sente ora - quando il momento del test, per il quale ci siamo addestrati a lungo e appassionatamente, è così vicino. Non devo dirvi cosa ho provato quando mi è stato suggerito di fare questo volo, il primo nella storia. Gioia? No, era qualcosa di più. Orgoglio? No, non era solo orgoglio. Ho provato una grande felicità. Essere il primo a entrare nel cosmo, battersi da solo in un duello senza precedenti con la natura - qualcuno potrebbe sognare qualcosa più grande di questa?
    Ma subito dopo ho pensato all'enorme responsabilità che ricadeva su di me: essere il primo a fare ciò che generazioni di persone avevano sognato; essere il primo a spianare la strada all'umanità nello spazio... Ditemi un compito più difficile di quello che mi è toccato. Questa non è una responsabilità per uno, non per dozzine di persone, non per una squadra. È una responsabilità per l'intero popolo sovietico, per tutta l'umanità, per il suo presente e futuro. E se, tuttavia, decido di prendere questo volo, è solo perché sono un comunista, perché ho dietro le mie spalle esempi dell'eroismo senza pari dei miei compatrioti: il popolo sovietico. So che raccoglierò tutta la mia volontà per fare il miglior lavoro possibile. Comprendendo la responsabilità del compito, farò tutto ciò che è in mio potere per adempiere all'incarico del Partito Comunista e del popolo sovietico.
    Se sono contento di partire per questo volo spaziale? Certo che sono felice. Dopotutto, in tutti i tempi e in tutte le epoche la più grande felicità per le persone è stata partecipare a nuove scoperte.
    Voglio dedicare questo primo volo spaziale al popolo del comunismo - una società in cui il nostro popolo sovietico sta già entrando e in cui, ne sono certo, entreranno tutte le persone sulla Terra.
    Ora mancano solo pochi minuti alla partenza. Vi dico, cari amici, arrivederci, come dicono sempre le persone quando si intraprende un lungo viaggio. Come vorrei abbracciarvi tutti, persone conosciute e sconosciute, lontane e vicine.
    Arrivederci!
Дорогие друзья, близкие и незнакомые, соотечественники, люди всех стран и континентов! Через несколько минут могучий космический корабль унесет меня в далекие просторы Вселенной. Что можно сказать Вам в эти последние минуты перед стартом? Вся моя жизнь кажется мне сейчас одним прекрасным мгновением. Все, что прожито, что сделано прежде, было прожито и сделано ради этой минуты. Сами понимаете, трудно разобраться в чувствах сейчас, когда очень близко подошел час испытания, к которому мы готовились долго и страстно. Вряд ли стоит говорить о тех чувствах, которые я испытал, когда мне предложили совершить этот первый в истории полет. Радость? Нет, это была не только радость. Гордость? Нет, это была не только гордость. Я испытал большое счастье. Быть первым в космосе, вступить один на один в небывалый поединок с природой - можно ли мечтать о большем? Но вслед за этим я подумал о той колоссальной ответственности, которая легла на меня. Первым совершить то, о чем мечтали поколения людей, первым проложить дорогу человечеству в космос... Назовите мне большую по сложности задачу, чем та, что выпала мне. Это ответственность не перед одним, не перед десятками людей, не перед коллективом. Это ответственность перед всем советским народом, перед всем человечеством, перед его настоящим и будущим. И если тем не менее я решаюсь на этот полет, то только потому, что я коммунист, что имею за спиной образцы беспримерного героизма моих соотечественников - советских людей. Я знаю, что соберу всю свою волю для наилучшего выполнения задания. Понимая ответственность задачи, я сделаю все, что в моих силах, для выполнения задания Коммунистической партии и советского народа. Счастлив ли я, отправляясь в космический полет? Конечно, счастлив. Ведь во все времена и эпохи для людей было высшим счастьем участвовать в новых открытиях. Мне хочется посвятить этот первый космический полет людям коммунизма - общества, в которое уже вступает наш советский народ и в которое, я уверен, вступят все люди на Земле. Сейчас до старта остаются считанные минуты. Я говорю вам, дорогие друзья, до свидания, как всегда говорят люди друг другу, отправляясь в далекий путь. Как бы хотелось вас всех обнять, знакомых и незнакомых, далеких и близких! До скорой встречи![1]
 
La colazione di Gagarin (A. Akindinov)
  • Chi non ha mai incontrato Dio sulla Terra, non lo incontrerà neppure nello spazio.[2]
  • Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini.[3]
  • Girando attorno alla Terra, nella navicella, ho visto quanto è bello il nostro pianeta. Il mondo dovrebbe permetterci di preservare ed aumentare questa bellezza, non di distruggerla!
Orbiting Earth in the spaceship, I saw how beautiful our planet is. People, let us preserve and increase this beauty, not destroy it![4]
  • La nostra gente, con la propria genialità e con il lavoro eroico, ha creato l'astronave Vostok, meraviglia del mondo, e la sua attrezzatura molto ingegnosa e molto affidabile. Dall'inizio all'atterraggio, non ho avuto dubbi sul buon esito del volo spaziale. Vorrei ringraziare sinceramente i nostri scienziati, ingegneri, tecnici, tutti i lavoratori sovietici che hanno creato una nave del genere che consente di comprendere con sicurezza i segreti dello spazio. Vorrei anche ringraziare tutti i compagni e tutto il team che mi ha preparato per il volo spaziale. Sono convinto che tutti i miei amici, piloti-cosmonauti, siano pronti a volare attorno al nostro pianeta in qualsiasi momento. È sicuro dire che voleremo sulle nostre rotte più distanti a bordo del nostro veicolo spaziale sovietico. Sono immensamente felice che la mia amata Patria sia stata la prima al mondo a fare questo volo, la prima al mondo a penetrare nel Cosmo. Il primo aereo, il primo sputnik [satellite], la prima navicella spaziale cosmica e il primo volo spaziale - queste sono le tappe del grande percorso della mia Patria verso il dominio dei segreti della Natura.[5]
  • Molte persone sono interessate alla mia biografia. Ho letto sul giornale che alcune persone frivole negli Stati Uniti d'America, lontani parenti dei principi Gagarin, credevano fossi una specie di loro parente. Devo disilluderli. Sono un semplice uomo sovietico. Sono nato il 9 marzo 1934, dalla famiglia di un contadino di un kolchoz [proprietà agricola collettiva]. Il luogo della mia nascita: regione di Smolensk, distretto di Gzhatsk, villaggio di Klušino. Nel mio albero genealogico non conosco principi o famiglie nobili e non ne ho mai sentito parlare nessuno. Prima della rivoluzione i miei genitori erano poveri contadini. Anche la generazione più anziana della mia famiglia, mio nonno e mia nonna, erano poveri contadini.[6]
  • [La parola che Gagarin pronunciò subito dopo il decollo] Partiamo!
Poyekhali![7]
  • [Osservando la Terra dallo spazio] Il cielo è molto nero, la Terra è azzurra. Tutto può essere visto molto chiaramente.
Небо очень чёрное. Земля голубая. Всё видно очень ясно[8].
  • [Gagarin racconta il momento in cui fu "avvistato" al rientro sulla Terra da un gruppo di contadini] Quando mi videro con la mia tuta spaziale trascinando il paracadute quando camminavo, iniziarono ad indietreggiare impauriti. Dissi loro di non spaventarsi, che ero un sovietico come loro, tornato dallo spazio e che doveva trovare un telefono per chiamare Mosca.
When they saw me in my space suit and the parachute dragging alongside as I walked, they started to back away in fear. I told them, don't be afraid, I am a Soviet like you, who has descended from space and I must find a telephone to call Moscow![9]
  • [Alla partenza del conto alla rovescia] Roger. Mi sento bene, il morale è eccellente, pronto per partire.
Roger. Feeling fine, excellent spirits, ready to go.[7]
  • Vengo da una famiglia comune, una famiglia di lavoratori come ce ne sono milioni nella mia patria socialista. I miei genitori sono due semplici russi ai quali la Rivoluzione d'Ottobre ha dato una vita piena e dignitosa.[10]

AttribuiteModifica

  • Non vedo nessun Dio quassù.
    Non c'è nessun Dio quassù.
La frase viene spesso attribuita a Gagarin, stando a quest'attribuzione il cosmonauta l'avrebbe pronunciata durante la sua prima missione spaziale. Tale attribuzione è però molto dibattuta e secondo alcuni sarebbe stata solamente frutto della propaganda sovietica: non vi è traccia di essa nelle registrazioni.[11][12][13]

Citazioni su Jurij GagarinModifica

  • Ci ricordiamo ancora di quando Juri Gagarin, ritornando dal suo viaggio nello spazio – il primo della storia dell'umanità – affermò di non aver visto alcun dio. Anche per l'ateo meno sprovveduto era ovvio che una simile affermazione non poteva costituire un argomento convincente contro l'esistenza di Dio. (Papa Benedetto XVI)
  • Cosa rappresenta Jurij per me? Jurij è l'incarnazione del progresso, che per me non è il mondo selvaggio del neoliberismo, ma la comunità regolata dalle istituzioni pubbliche. Quanti scienziati, filosofi, educatori e semplicemente esseri umani dotati di coscienza sociale ci saremmo persi senza la scuola e l'università pubblica? Come avrebbe mai potuto diventare un eroe nazionale il figlio di un falegname e di una contadina? Lo stato sociale non è assistenzialismo, non è carita, ma è la liberazione delle energie del mondo e la valorizzazione dell'essere umano. Per questo Jurij per me è molto più del primo uomo nello spazio, per me è un uomo del futuro che verrà. (Jorit)
  • Quell'Aprile si incendiò, al cielo mi donai: Gagarin figlio dell'umanità. E la terra restò giù, più piccola che mai, io la guardai, non me lo perdonò. (Claudio Baglioni)
  • Sono Gagarin, il figlio della terra | Io sono Gagarin. | Per primo ho volato, | e voi volaste dopo di me. | Sono stato donato/per sempre al cielo, dalla terra, | come il figlio dell'umanità. (Evgenij Aleksandrovič Evtušenko)

NoteModifica

  1. (RU) Citato in Anton Pervushin, ДО СКОРОЙ ВСТРЕЧИ! Заявление Ю.А. Гагарина перед стартом
  2. Citato in Walter Cunningham, I Ragazzi della Luna, Mursia 2009, p. 57.
  3. Citato in Roberto Vittori, Io, nel guscio della Soyuz, pensando a Gagarin, Corriere della Sera.
  4. (EN) Citato in L.A. Lebedev, A. Romanov, B. Luk'ianov, Sons of the Blue Plane (Syny goluboi planety), 1973.
  5. (RU) Citato in Anton Pervushyn, 108 минут, изменившие мир
  6. (RU) Citato in Tatjana Golovkina, Anatolij Chernobajev, Космос. Время московское. Сборник документов
  7. a b (EN) Citato in Vostok 1 - Mission highlights, statemaster.com.
  8. Andrey Verin, Target, Litres, 2018. ISBN 9785041054014
  9. (EN) Citato in Kerry Rodgers, New Gagarin Space Coin Out of this World, World Coin News.
  10. Dal diario, 12 aprile 1961; citato in Jurij Gagarin: la via del cosmo, Difesaonline.it.
  11. Cfr. Dario Nappo Yuri Gagarin, il figlio della Terra, Cevitasumarte.it, 28 maggio 2014.
  12. Cfr. Giulia Galeotti, La bugia di Gagarin, L'Osservatore Romano, 13 aprile 2011.
  13. Dall'intervista a Valentin Vasilyevich, Interfax I am proud to be accused of having introduced Yury Gagarin to Orthodoxy, Interfax, 21 maggio 2013. "Non è stato certamente Gagarin a dire questo, ma Krushchev! Questo è stato collegato con una sessione plenaria del Comitato Centrale che affrontava la questione della propaganda anti-religiosa. Krushchev [...] disse: "Perché state aggrappati a Dio? Gagarin ha volato nello spazio e non ha visto Dio". Tuttavia, qualche tempo dopo queste parole ... erano citate in riferimento non a Krushchev, ma a Gagarin, che era amato dal popolo. Tale frase pronunciata da lui sarebbe stata di grande importanza. Krushchev non era particolarmente attendibile, dicevano, ma Gagarin lo sarebbe stato certamente. Ma nulla è stato mai detto da Gagarin su questo, né lui avrebbe potuto pronunciare tali cose."
    In fact, it was not Gagarin but Khruschev who said it. It happened during the Central Committee plenary meeting that considered anti-religious propaganda. Khruschev [...] said: Why should you clutch at God? Here is Gagarin who flew to space but saw no God there. But some time later these words [...]. References were made not to Khruschev but to Gagarin who, indeed, was the people’s favourite and such a statement from his lips could be of tremendous importance. They said, few would believe Khruschev but everybody would certainly believe Gagarin. But Gagarin never said that, he just couldn’t utter such words.

Altri progettiModifica