Apri il menu principale

Iolanda Insana (1937 – 2016), poetessa italiana.

  • Ennio Cavalli [...] nell'Infinito quotidiano porta il risultato della frequentazione della poesia contemporanea italiana e straniera nonché delle sue esperienze di giornalista e di attento viaggiatore. Pertanto nella tensione più patetica che ironica di un discorso che sovente dilaga oltre il limite di guardia, è capace di azzardi e scaltrezze in parte inusitati. (da Schede, Infinito quotidiano, La Fiera Letteraria, n. 17, aprile 1973)

A colloquio con Alfonso GattoModifica

  • [Alfonso Gatto] Lei è forse l'unico poeta che usi la parola «cuore» con molta frequenza. Anzi, «cuore» insieme ad «azzurro» (e forse anche «tremare» e «tremo») è uno dei segni più fitti del suo discorso.
  • [Alfonso Gatto] La sua poesia, appare fedele a certi moduli linguistici, a certo ritmo e a certe forme che oggi si vorrebbero affossate. [...] A proposito della rima, lei ha scritto che essa è necessaria come due occhi sono necessari per un medesimo sguardo.
  • [Alfonso Gatto] Secondo me la sua pittura somiglia molto alla sua poesia per un fatto di colore e di tono.

[Jolanda Insana, A colloquio con Alfonso Gatto, La Fiera Letteraria, n. 17, aprile 1973 ]

Altri progettiModifica