J. J. C. Smart

John Jamieson Carswell Smart, detto Jack Smart (1920 – 2012), filosofo e accademico australiano di origine britannica.

Citazioni di Jack SmartModifica

  • Parlare dello scorrere del tempo o del progresso della coscienza è una metafora pericolosa che non deve essere presa alla lettera.[1]

Citazioni su Jack SmartModifica

  • Ho incontrato per la prima volta Jack Smart in Gran Bretagna, nei primi anni Ottanta, in occasione di una sua stimolante conferenza all'Università di Newcastle sulla fisica quantistica e il tempo. La sua esposizione veniva continuamente interrotta da uno scienziato petulante, ostinato assertore della tesi (basata sulla meccanica quantistica) che gli oggetti materiali non sono «davvero là». Jack che è una persona estremamente gentile ed educata, alla fine perse la pazienza e sbottò: «Vorrei che lei non fosse là!»; così le interruzioni cessarono. (Paul Davies)
  • Per giudizio unanime, uno dei pochi filosofi che ha portato un po' di buon senso nelle speculazioni sulla natura del tempo è Jack Smart, che tiene fede al suo nome (in inglese, smart significa «acuto», «intelligente»). (Paul Davies)

NoteModifica

  1. Da «Time and Becoming», in P. van Inwagen (a cura di), Time and Cause, Dordrecht, Reidel, 1980, pp, 3-15; citato in Paul Davies, I misteri del tempo, traduzione di Elisabetta Del Castillo, Oscar saggi, Arnoldo Mondadori editore, Milano, 1997, p. 281.

Altri progettiModifica