Apri il menu principale

Il mandolino del capitano Corelli

romanzo scritto da Louis de Bernières

Il mandolino del capitano Corelli

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Captain Corelli's Mandolin

Paese Francia, Gran Bretagna, USA
Anno 2001
Genere bellico, romantico
Regia John Madden
Sceneggiatura Shawn Slovo
Interpreti e personaggi

Il mandolino del capitano Corelli, film franco-britannico-statunitense del 2001 con Nicholas Cage e Penelope Cruz, regia di John Madden.

FrasiModifica

  • Quando si accende l'amore è una pazzia temporanea. L'amore scoppia come un terremoto e in seguito si placa e quando si è placato bisogna prendere una decisione, bisogna riuscire a capire se le nostre radici sono così inestricabilmente intrecciate che è inconcepibile il solo pensiero di separarle. Perché questo è... l'amore è questo. L'amore non è turbamento, non è eccitazione, non è il desiderio di accoppiarsi ogni istante della giornata, non è restare svegli alla notte immaginando che lui sia lì a baciare ogni parte del tuo corpo. Non arrossire, ti sto dicendo delle verità. Questo è semplicemente essere innamorati e chiunque può facilmente convincersi di esserlo. L'amore è invece... è quello che resta nel fuoco quando l'innamoramento si è consumato. Non sembra una cosa molto eccitante, vero? Ma lo è. Tu credi di poter anche solo immaginare che arriverai a provare questo per il Capitano Corelli? (Dottor Iannis)
  • A volte è meglio essere battuti che avere le mani sporche di sangue. (Dottor Iannis)

DialoghiModifica

  • Capitano Weber: È incomprensibile! Davvero volete che finisca la guerra? Siete strani voi italiani!
    Capitano Corelli: Non abbiamo i tuoi vantaggi.
    Capitano Weber: Quali vantaggi?
    Capitano Corelli: Il vantaggio di pensare che le altre razze siano inferiori alla nostra.
    Capitano Weber: È una questione scientifica! Una realtà che non puoi modificare!
    Capitano Corelli: Me ne frego della scienza, è la morale che conta.
    Capitano Weber: E qual è la tua morale?
    Capitano Corelli: Se vedessi un uomo che sta per essere sopraffatto da altri penserei che quest'uomo è mio fratello. Questa è la mia morale: lo prenderei come se fosse un fatto personale.

Altri progettiModifica