Il filo nascosto

film del 2017 diretto da Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Phantom Thread

Lingua originale inglese
Paese Regno Unito, Stati Uniti d'America
Anno 2017
Genere drammatico
Regia Paul Thomas Anderson
Soggetto Paul Thomas Anderson
Sceneggiatura Paul Thomas Anderson
Produttore Paul Thomas Anderson, Megan Ellison, JoAnne Sellar, Daniel Lupi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Costumi: Mark Bridges
Musiche: Jonny Greenwood
Sceneggiatura: Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto, film del 2017 con Daniel Day-Lewis, Vicky Krieps e Gina McKee, regia di Paul Thomas Anderson.

IncipitModifica

Alma: Reynolds ha trasformato i miei sogni in realtà. E io gli ho dato in cambio quello che più desidera.
dott. Robert Hardy: E cioè?
Alma: Ogni singola parte di me.
dott. Robert Hardy: E' un un uomo molto esigente, allora? Dev'essere una grande sfida stare con lui.
Alma: Sì. Penso sia l'uomo più esigente al mondo.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Non ho lo spazio per discussioni. Non mi avanza tempo per le discussioni. (Reynolds)
  • Che cosa vuoi fare con Johanna? Poverina, è deliziosa però è arrivato il momento. Sta seduta a ingrassare e aspettando che ti innamori di nuovo di lei. Le darò l'abito di ottobre. ( Cyril)
  • Ho una strana inquietudine. Ma non riesco a darne un motivo specifico. Come un battito d'ali. (Reynolds)
  • Si può cucire qualsiasi cosa nella stoffa di un vestito. Segreti. Monete. Parole, brevi messaggi. (Reynolds)
  • Ci sono infinite superstizioni quando si tratta un abito da sposa. Le giovani che non lo toccano per paura di non sposarsi. Le modelle che hanno paura di sposarsi solo uomini calvi se ne indossano uno... (Reynolds)
  • Non mi sono mai piaciuta molto. ho sempre pensato di avere le spalle troppo larghe. Il collo sottile come un uccellino. E non ho seno. I miei fianchi sono più larghi del necessario e le braccia troppo robuste. [...] Ma in questo lavoro mi sento perfetta. Mi sento a mio agio. (Alma)
  • Non sono affari nostri come la signora Rose decide di vivere la sua vita, ma non può continuare a comportarsi così e indossare gli abiti del signor Woodcock! (Alma)
  • Gli errori che ho commesso e continuo a commettere, non possono essere più ignorati. Ci sono cose che mi tormentano e che devono essere fatte. (Reynolds)
  • Una casa che non cambia è una casa morta. (Reynolds)
  • Non voglio ascoltarti perché ferisce i miei timpani. (Cyril)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Reynolds: Mi sembra di averti cercata per moltissimo tempo.
    Alma: Ora mi hai trovata. Qualunque cosa farai, falla con delicatezza.
  • dott. Robert Hardy: Sarà la serata più bella della sua vita.
    Alma: Che cosa ne sa di com'è stata la mia vita?
  • Cyril: Ciò che vogliono sono abiti alla moda e chic
    Reynolds: Chic? Oh, non usare quella parola ridicola. Chic? Chi l'ha inventata dovrebbe essere picchiato in pubblico. Non so neanche che significato abbia. Che vuol dire? Che cazzo è chic? Andrebbero impiccati, sventrati e squartati gli chic.

Altri progettiModifica